Tecnicando

Pubblicato il 21 Lug 2012

Dicevo nella puntata precedente, che se i dipendenti da Rathbun avessero persistito un altro po’, avrebbero scoperto, come l’ho scoperto io, che tutte le disgrazie, tutte le rotture di scatole, tutte le situazioni indesiderabili presunte o effettive che hanno vissuto in terza dinamica, come in qualunque altro ambito, in realtà erano dovute a una propria incapacità di applicare una delle leggi fondamentali della vita, che si potrebbe definire “la legge degli sforzi e controsforzi”.

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 18
Pubblicato il 18 Lug 2012

«Ora, chi si avventura sulla strada della verità, lo fa con una gran disperazione. Nessun’altra frase, in materia di verità è mai stata relativamente più vera e desidero riproporla assumendo un’aria di veneranda saggezza. Chi intraprende la strada della verità compie un passo azzardato, molto azzardato. Un filosofo che cerchi d’insegnare, di scoprire e d’insegnare la verità, sta mettendo a repentaglio la propria vita. E ciò non sarebbe molto importante se fosse solo la sua vita quella che sta mettendo a repentaglio. Ma diventa di gran lunga molto più importante, perché sta mettendo a repentaglio la vita di molte altre persone. In ciò consiste la sua responsabilità. Non sto parlando di me, sto semplicemente parlando dei filosofi in generale.» L. Ron Hubbard (Conferenza 1 Novembre 1962 “La strada della verità”)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 10
Pubblicato il 10 Lug 2012

«In realtà, man mano che vengono percorsi questi procedimenti – che hanno lo scopo di porre rimedio all’havingness – una persona supera l’idea che deve avere tutto ciò che vede senza alcuna distinzione. Supera idee come l’avidità e come il “non poter avere”. Supera l’idea che non può avere niente e poi supera l’idea che deve avere tutto. E’ molto interessante. Può uscire da questa condizione. A meno che non esca da questa categoria dell’havingness – non è una cosa negativa, capite? Semplicemente, se mai vuole poter spostare di parecchio la sua attenzione, la persona deve semplicemente superare questa categoria dell’havingness. E così se esce da questa categoria dell’havingness, può fare cose di ogni genere. Può esteriorizzarsi, può tollerare lo spazio, può fare varie cose che non poteva fare in precedenza.» L. Ron Hubbard (Conferenza 5 Luglio 1957 “La teoria dei CCH”)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 11
Pubblicato il 9 Lug 2012

«Se il preclear vi dà delle istruzioni riguardo a ciò che dovreste fare in seduta, dategli il più bel riconoscimento che abbia mai ricevuto e continuate dritti con quello che state facendo. Non cambiate mai. Questo è il momento di non cambiare, perché vi siete imbattuti in un tipo di valenza o di macchina che vi dice: “Cambia, cambia, cambia, cambia” e se cominciate a cambiare, cambiare, cambiare con il preclear, è Q&A, e naturalmente non approderete a nulla dall’altro capo. Ora, nell’auditing queste sono considerazioni molto importanti. E se un auditor dovesse fare queste cose, prestarvi attenzione e risolverle, in effetti l’auditor potrebbe essere piuttosto ignorante di altri aspetti della tecnologia e tuttavia vincerebbe comunque. Sarebbe proprio lì a darci dentro. No, non c’è proprio niente che sostituisca una realtà sul bank.» L. Ron Hubbard (Conferenza 29 Agosto 1961 “I fondamenti dell’auditing”)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 22
Pubblicato il 7 Lug 2012

«La libertà di un individuo dipende dalla sua libertà di modificare le proprie considerazioni riguardo a spazio, energia, tempo e forme di vita, nonché il proprio ruolo in tutto questo. Se non riesce a cambiare idea riguardo ad esse,egli si ritrova fissato e schiavo in mezzo a barriere come quelle dell'universo fisico e barriere di sua stessa creazione. Egli crea queste barriere da solo, oppure concordando con le cose che ritengono che tali barriere siano reali.» L. RonHubbard (La creazione dell’abilità umana)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 14
Pubblicato il 5 Lug 2012

Visto che uno degli argomenti preferiti degli squirrel per denigrare la Chiesa, è il fatto che a volte sia stato necessario rivedere qualche punto del Ponte, per esempio gli Oggettivi, vorrei esprimere il mio punto di vista, dato che sono conosciuta come una che trova sempre da ridire e protesta rumorosamente, quando ci sono “revisioni”.

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 22
Pubblicato il 3 Lug 2012

«Che cosa stiamo osservando esattamente quando troviamo uno Scientologist che non ha mai visto o attraversato un engram? Quando troviamo uno Scientologist che non si è mai scontrato con un ridge? Quando uno Scientologist non è consapevole dello “allora” degli episodi? Se lo Scientologist non è consapevole di queste cose, continuerà a commettere errori e nessun addestramento, per quanto esteso, riuscirà a farglielo superare. Sapendo questo – sapendo semplicemente questo – la si supererà, perché all’improvviso ci sarà una grande illuminazione. Luci cominciano ad accendersi da tutte le parti. Se uno Scientologist non è mai andato attraverso un engram, se uno Scientologist non è mai stato bloccato sulla traccia, se uno Scientologist non ha mai visto dei ridge o qualsiasi fenomeno mentale, è perché la sua filosofia fondamentale nella vita è “svignarsela”. Ora, ecco qui tutta la saggezza della cosa.» L. Ron Hubbard (Conferenza 29 Agosto 1961 “I fondamenti dell’auditing”)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 8
Pubblicato il 1 Lug 2012

Oh, al momento sembra tutto bellissimo e strepitoso, non importa come sei messo, se hai abbandonato i figli piccoli, o se hai mollato lì centinaia di migliaia di euro di debiti fatti non per donare soldi a Scientology, ma per andare dietro a strampalate idee imprenditoriali e fuori etica … dicevo, non importa quanto sei irresponsabile, l’importante è dare man forte alla psicosi e vieni accettato con tutto il tuo pacchetto di condizioni bassissime, che scoppieranno in faccia al capo psicotico che purtroppo alla fine sarà l’unico a pagare un conto molto salato.

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 23
Pubblicato il 29 Giu 2012

«E finalmente mi sono reso conto di ciò che stavo osservando: la persona non ce la farà mai se non viene addestrata. (…) Bene, voi innalzate fino a qui una persona e poi la lasciate sola. La cosa più crudele che potreste fare sarebbe audire qualcuno fino a Clear. Questa sarebbe praticamente la cosa più crudele che potreste fare a qualcuno: non addestrarlo, non fargli sapere niente sull’essere un auditor, non fargli conoscere niente del bank, della vita, di se stesso, di qualunque cosa … e volete audirlo fino a Clear. Ora possiede questo enorme potenziale per conoscere, e non gli date la possibilità di imparare la tecnologia che l’ha portato a tale condizione. Certo, questo non lo ucciderebbe, ma creerebbe in lui una confusione straordinaria. Sarebbe qualcosa molto crudele.» L. Ron Hubbard (Conferenza 8 Giugno 1965 “Come occuparsi della persona PTS”)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 17
Pubblicato il 27 Giu 2012

«Una persona connessa a una persona, cosa o gruppo soppressivi drammatizzerà un “non poter avere” o un “overt dell’imposizione di avere”, su di un’org o su membri dello staff. (…) Il fatto tecnico è che una persona PTS è diventata tale perché la persona soppressiva si è rivelata soppressiva privando l’altra persona delle cose che questa voleva o imponendole delle cose che questa non voleva. La persona PTS drammatizzerà questa caratteristica, come reazione alla soppressione.» L. Ron Hubbard (HCOPL 12 Maggio 1972R “Personale PTS e finanze”)

Pubblicato in: Tecnicando
Commenti: 17

Pagine

Subscribe to Tecnicando