Ciechi che guidano ciechi

 “Esiste una sottile linea di demarcazione tra etica e tecnologia. Il punto in cui un thetan esce di senno è molto preciso. È il punto in cui incomincia a fermare qualcosa in modo ossessivo. Da qui lo sforzo diviene generalizzato ed egli comincia a fermare un mucchio di altre cose. Quando questo include chiunque o alcunché gli sia di aiuto, come pure le persone e le cose che sono di aiuto, l’essere è soppressivo. Le sue intenzioni contrastano tutte le altre intenzioni, in modo particolare le buone intenzioni.”

L. Ron Hubbard
(HCO PL 18 Giugno 68 “ETICA”) 

chiechi che guidano ciechi

Facciamo una pausa breve con gli articoli della serie “I nomi dei Nemici di Ron”, giusto per non diventare monotematici e per dar tempo ai nostri traduttori di preparare un po’ di materiale. Ma non preoccupatevi, riprenderemo domani e nei giorni a seguire, dato che abbiamo montagne di materiale disponibile.

Rimaniamo comunque parzialmente sul filone per vedere com’è possibile che le bugie che circolano su Ron e su Sceintology, possano venir accettate e addirittura rinforzate dagli squirrel della banda Rathbun. Qual è lo stato mentale, il meccanismo perverso che fa sì che, persone che hanno avuto la tech di Ron a portata di mano senza alcun ostacolo, si siano dedicati a questi giochi distruttivi.

Nella Conferenza n. 41 del Terzo ACC Americano, tenuta il 25 gennaio 1954, LRH dice:

 “Si potrebbe dire che l’intera traccia di un thetan è una serie consecutiva di apatie riguardo alle cose che egli sa.”

Le persone che progrediscono sul Ponte stanno risolvendo l’apatia relativa alle cose che conoscono. Stanno affrontando eoni in modo coraggioso e svariati cicli di apatia in modo da poter raggiungere la vera conoscenza.

Non è così per Marty Rathbun e Mike Rinder. Questi due tipi hanno un atteggiamento codardo nei confronti della verità e sono consapevoli che stanno lavorando per fare in modo che la loro apatia diventi sempre più profonda, vivendo una vita all’insegna di bugie e trucchi. L’apatia riguardo al conoscere è la cosa che vogliono per sé ed altri.

Hanno avuto un crollo, da qualche parte sulla traccia, così pesante che la sola idea di essere degli esseri spiritual li fa tremare dalla paura. Quindi si sono arresi alle non verità e ora sono essi stessi dei simboli della menzogna: degli Squirrel!

Ecco come si potrebbe definire in altro modo uno squirrel: un simbolo di falsità e il rifiuto psicotico di conoscere. L’SP guarda le sue mani mentre rubano qualcosa o ascolta la sua bocca sparare bugie ed è totalmente disconnesso da quelle azioni.

Rifiuta di conoscere. Quello che fa non è reale neanche a se stesso.

Per poter fare ciò che fanno, Rathbun e Rinder devono mentire anche a se stessi. Devono essere totalmente dissociati dalla realtà e dal sapere.

La loro disconnessione dalla realtà, la disconnessione che permette loro di distruggere ciò che rappresenta la salvezza per ogni essere umano, è dimostrata dalla loro incompetenza.

Hanno cercato di fare a pezzi ogni cosa su cui hanno messo mano in modo premeditato, fallendo miseramente ogni volta.

Il motivo del fallimento è chiaro: non possono essere competenti, perché l’incompetenza e l’incapacità di portare a termine dei cicli di azioni fa parte delle caratteristiche della personalità antisociale. Non possono sapere, perché sono troppo apatici per conoscere.

Hanno deciso, in modo attivo e deliberato, di non conoscere. Circondati da vera tecnologia, vera conoscenza, Mike Rinder e Marty Rathbun hanno impedito a sé stessi di potervi attingere.

Abbiamo visto oppositori di Scientology cercare di duplicare la tecnologia nel tentativo di diventare più abili nel fermarci. Questi individui ostili non sono mai stati degli Scientologist. Hanno miseramente fallito nel comprendere Scientology. Comunque, a paragone di Rathbun e Rinder, questi antagonisti hanno saputo fare meglio di loro, che hanno avuto a disposizione tutta la tech che volevano.

A causa dei posti che hanno ricoperto in passato, una cosa che Marty Rathbun e Mike Rinder dovrebbe sapere come cosa certa è che nessun elemento ostile, ad oggi, l’ha mai spuntata alla lunga contro Scientology. Ma sembra che nella loro apatia e non-conoscere, Rathbun e Rinder, l’abbiano dimenticato.

C’è una cosa però di cui siamo sicuri riguardo a Rathbun e Rinder: sanno che la tech funziona e che, quando le attività della Chiesa hanno iniziato ad espandersi e più alti standard di conoscenza della tech erano richiesti al fine di causare un’ulteriore espansione, loro non avrebbero superato la prova, quindi hanno preferito scappare con la coda tra le gambe, invece che accettare l’aiuto che veniva loro offerto per risalire le loro basse condizioni.

Troppi overt contro il gruppo e troppi overt contro la tech li hanno costretti ad allontanarsi ma, essendo personalità antisociali, dovevano cercare di distruggere la possibilità che altri acquisissero conoscenza: ecco fino a che punto è arrivata la loro psicosi.

Si sono sbarrati la strada alla conoscenza. Questo li rende così stupidi da far loro credere di andare a gonfie vele: beh, se incasinare qualche caso si più definire un successo, allora, la luna è veramente fatta di groviera.

La morale della storia è: Mike Rinder e Marty Rathbun non stanno facendo male a nessun’altro che a sè stessi e a poche persone che, allo stesso modo, vogliono distruggere la loro abilità di sapere come conoscere, permettendo che questi due individui facciano squirrel sulla loro pelle.

L’apatia di Rathbun e Rinder e di quelli a loro connessi è così estrema che l’estinzione personale sembra essere il loro vero obiettivo. Non è patetico?

Etica e Verità


Per leggere i commenti all'articolo sul vecchio blog visita questa pagina.

Per continuare a commentare l'articolo vai al forum.