Dona ali a una piccola preghiera

uomo che prega

«L’unica aberrazione è la negazione di sé. Nessuno all’infuori di te può fare qualcosa a te. E’ una situazione orribile. Tu puoi fare qualcosa a te stesso, ma ciò richiede il tuo postulato, il tuo accordo o il tuo disaccordo, prima che ti possa succedere alcunché. Le persone devono esprimere accordo sull’essere stupidi; devono esprimere accordo sul trovarsi nel mistero. E, in effetti, molto indietro sulla traccia sono state d’accordo sul fatto di venire raggirate. La gente è dunque vittima del proprio ritrarsi; vittima dei propri postulati; vittima del proprio sentirsi inetti. Il processing non funzionerebbe se questo non fosse vero.»

L. Ron Hubbard
(Conferenza 5 Luglio 1959 “Sopravvivere e soccombere”)

La più grande grazia che ho ricevuto, perché se mi guardo attorno di grazia si tratta, è stato proprio l’avere scoperto quanto fosse vero, quello sopra esposto da Ron.

Farne un modo naturale di vivere, ha fatto della mia vita una cosa veramente decente, pur con tutte le preoccupazioni causate dallo stato pietoso in cui si trova la nostra società.

Fino a una decina di anni fa ero presa di mira dalla vita ad ogni mia mossa. Come auditor, a quel tempo, per vivere un po’ tranquilla dovevo essere una vera slalomista.

Mi viene in mente un tipo, terminale tecnico che è stato giustamente dichiarato SP qualche anno fa, che non appena il mio senior C/S è partito per Flag, mi ha sequestrato i folder, anche se non era tenuto a farlo.

Non c’era veramente motivo, avevo appena finito parecchi maneggiamenti, ma lui si era inventato che voleva vedere un video del metering ed io avevo i Pc nuovi da audire.

Nonostante le mie suppliche, se n’è fregato altamente dei miei Pc nuovi ed ha avuto man forte da un altro bel tipo, buono da lessare pure quello.

Un paio di giorni dopo gli ho consegnato il video, lui si è tenuto i folder e il video per 20 giorni, per poi riconsegnarmelo con scritto “Pass” in pompa magna; ancora lo conservo per non scordarmi la sua insania.

Non ho capito lo scopo che poteva avere, per fregarsene altamente dei miei Pc nuovi e tenere fermo 20 giorni un ciclo che poteva essere fatto in due giorni. Fatto sta che, non avendo il senso della gerarchia, dei miei Pc mi sono presa cura lo stesso, alla faccia sua.

Questo è un piccolo esempio, non certo il peggiore, degli inconvenienti in cui si può incorrere, quando ti occupi di un’attività per niente semplice, quale voler applicare gli strumenti per risolvere il bank.

Ad un certo punto però, esattamente da 8 anni, non c’è stato più nessun inconveniente, neanche quando me li vado a cercare… sembra che ci provino, ma appena mi vedono girano l’angolo.

Mi ero fatta l’idea che forse è perché sono troppo una rogna, ma non è quello. E’ una questione di quanta responsabilità intendi prenderti; di quanta comprensione intendi avere per il tuo prossimo e per le sue debolezze e aberrazioni.

Ancora più importante, dipende da quanta comprensione intendi avere, per le tue debolezze e aberrazioni.

Non ragionevolezza, comprensione: se intendi prenderti il lusso di averne parecchia, la vita inizia a girare in tutt’altro modo, molto più sciolto e desiderabile.

«Come mai, in primo luogo, la persona ha ritenuto che si potesse fare qualcosa ai suoi postulati, o che qualcun altro potesse interferire con lei? Ovviamente ha dovuto acconsentire. Ovviamente ha dovuto acconsentire a che i suoi postulati fossero sbagliati. Aveva acconsentito a che qualcuno potesse rendere confusi i suoi postulati. Ha dovuto acconsentire a tutto ciò.

(…)

Deve aver detto che qualcun altro aveva il diritto di creare confusione nei suoi postulati. Deve aver detto che qualcun altro poteva interferire con ciò che voleva far succedere. E la fregatura è che anche questi sono dei postulati che si fanno. Affascinante, vero? Il postulato che dice che qualcun altro possa interferire con i postulati propri di una persona, viene fatto dalla persona stessa, non da qualcun altro.»

L. Ron Hubbard
(Conferenza 5 Luglio 1959 “Sopravvivere e soccombere”)

ragazza e nuvole Quando hai veramente una comprensione concettuale di quanto sopra e la capacità di mettere in pratica il modo corretto di vivere, non c’è più nessuno che può interferire nelle tue faccende, a meno che tu non intenda che lo faccia.

In realtà, se hai fatto veramente e onestamente il Ponte, dovresti raggiungere anche uno stare di fronte maggiore e la capacità di tollerare molto di più i controsforzi, che se li prendi su gioco, smettono di sembrarti brutti e cattivi.

Questo è uno dei motivi per cui non potrei mai darmi all’ indipendenza , andrebbe contro la mia comprensione della vita.

«Ma continuare a vivere esige che una persona capisca i misteri che la fanno indietreggiare. E il più grande di questi misteri è il seguente: “Dovrei sopravvivere? O dovrei soccombere?”, oppure “Quali simboli rappresentano il soccombere e quali simboli rappresentano il sopravvivere? E quali misteri, quando si presentano, non devono essere sondati fino in fondo?”. Questo è il mistero più grande di tutti. E allineando tutte queste cose, si scopre che si possono riassumere nel sopravvivere e soccombere, si riassumono tutte quante nello stare di fronte e non stare di fronte, e si riassumono in ogni genere di stranezze. Ce n’è comunque una in particolare, un fatto molto interessante; un fatto davvero molto interessante che non avevamo sospettato finora. Ma ho appena scoperto questa cosa, appena un attimo fa, stando qui ad osservarla.

Voi siete una vittima. Pensateci un attimo. Siete una vittima? Beh, se non siete mai stati una vittima, e se non sarete mai vittima, e se non siete vittima, allora sarete causa totale, e condurrete un buon Co-auditing dell’ HAS, e vivrete molto a lungo, e Scientology andrà avanti alla grande.»

L. Ron Hubbard
(Conferenza 5 Luglio 1959 “Sopravvivere e soccombere”)

In passato ho drammatizzato anch’io alcune ingiustizie pesanti. Essendo irruente non ho drammatizzato pacatamente… solo che invece di andare a drammatizzare su internet, che mi sembra veramente demenziale, l’ho fatto direttamente con un terminale di RTC.

La pazienza che ha portato quel terminale ha veramente del paranormale. Non l’ha fatto perché ero simpatica, ma perché aveva una tale comprensione per gli esseri, talmente tanta, da essere riuscita a cambiare totalmente la mia ottica sulla vita, dopo avere interagito con lei.

Sto parlando di un vice del signor Miscavige, quelle persone che vengono demonizzate dagli squirrel. In assoluto la persona più Grande che io abbia mai incontrato, sprigionava amore e competenza.

Lo dico senza malizia o astio, ma mi lascia veramente perplessa, che ci sia in giro qualche indipendente che continua a sputare BPC e fare la vittima, nonostante si stia “audendo”.

Mah! Se vai in seduta dovresti maneggiare le BPC e i torti che hai subito dovrebbero svanire; li potresti anche raccontare, ma dovrebbero avere la stessa carica di quando racconti la tua prima comunione.

C’è da tenere presente che ciò che non va via continuando ossessivamente a blaterare sul flusso 1, potrebbe svanire come per magia sul flusso 2.

Lo dico per te, mica per noi: se continui a professarti vittima di questo e di quello, resterai una vittima e le vittime non hanno successo. Gran brutta cosa essere un caso-vittima, implica avere bisogno di cooperazione e compassione, con tutte le conseguenze del caso.

Preferisco di gran lunga applicare i dati di Ron, che insegna che mai niente e nessuno ti può danneggiare, a meno che tu o il tuo caso non lo richiediate espressamente.

Con Affetto

Auditor


Per continuare a commentare l'articolo vai al forum.

Pubblicato in: 
12

Commenti

Ritratto di Tonhl

Grande Auditoressa!!!

Ehh come ti capisco.... anche io in un passato remoto ho incontrato un "fenomeno" (ora fuori dalle linee da tempo) che mi causò non poche domande e turbamenti....

Ma alla fien ho sempre perseverato, perchè sapevo che questa era la strada giusta, Scientology, e non li natter inutile, il vittimismo, e il "mal comunue mezzo gaudio quindi sati male anche te!" come fanno giornalmente le belanti pecore.

Ed in effetti...ma se fanno "ODITIN STANDA" con la "STANDA TEC" (si quella presa alla Standa davvero) come mai sono così pieni di rabbia livore e sputano veleno ad ogni possibilità?

mistero....!

Ritratto di Truthraider

Bell'articolo! The Auditor mi ha "bruciato" sul tempo su di un contributo che sto scrivendo sul "negare se stessi", ma non demordo! Smile

Ritratto di antonella

Bravissima auditoressa....
CONDIVIDO APPIENO

Antonella

Ritratto di Auditor

Grazie Antonella, che bello che io e te ci siamo incontrateSmileTruthraider, tu scrivilo lo stesso, penserai mica che le cose basta dirle una volta, magari bastasse...difatti il prossimo articolo lo dedicheremo a spiegare perchè ci vogliono gli auditorLaughing

Ritratto di Domenico

Questo articolo è veramente un piccolo capolavoro di solida, inattaccabile, lucida logica.
Complimenti auditor e grazie.
PS: peccato che gli indiperdenti-vittime non possano capirlo; del resto, se così non fosse, che indiperdenti-vittime sarebbero?

Ritratto di Auditor

Prego Domenico! Non è che tutti gli "indipendenti" sono uguali, ce ne sono che ci sono cascati appunto per incapacità di logica. Alcuni si stanno riprendendo, però non dico niente per non rovinare la sorpresa.

Vedi per esempio Giuliana, credo che scriverà la sua testimonianza più nei dettagli di quella precedente, molto interessante da leggere... ma era logico che uno come Tiziano non poteva attecchire su di lei, a meno che non fosse in un momento di nera solitudine, di cui in parte mi prendo responsabilità. Giuliana in realtà è una persona perbene, inoltre è un'imprenditrice che lavora sodo e questo fa una grande differenza. Per esempio lei, sarebbe stato assolutamente irreale che avesse disconosciuto una sua dinamica, per giunta così importante. Ho imparato a non dare più niente per scontato, ho visto persone assurde avere una metamorfosi desiderabile, come ne ho viste altre che sono assurde e ci rimangono.

Ritratto di Tonhl

Cari Amici, ma soprattutto amiche...! :)
Domani e dopodomani sono a girare sugli appennini, quindi vi leggerò tardi la sera (se non crollo dal sonno alle 9 e mezzo da cottura filmica...!!)
Mi raccomando fate quello che state facendo...ma di più! Laughing
Notte a tutti!!! LaughingLaughingLaughing

Ritratto di Giuliana Dalla Pozza

Vedi Auditor, la cosa che più mi preme è che altri non cadano nelle spire di questi squirrel, perchè essendoci passata so che sono intortati, ti succhiano il Theta come vampiri e hai qualche difficoltà a riprenderti, ti senti male, completamente entheta,infelice, macini e rimunigini con la mente, (cosa che non avevo mai sperimentato prima), e senza aiuto, che nell'etica splendida di Ron ritrovi, non ne esci. Ti senti come in una ragnatela dove ti giri e ti rigiri e resti sempre più avvolto nella stessa, e poi il ragno ti magia e sei diventato talmente entheta che non ci sei più, basta... finito..... scusa ma è una condizione talmente infelice che lascio volentieri solo a questi squirrel qua. Per cui se c' è qualcuno che ha bisogno di aiuto che vada all'org più vicina o scriva a questo sito, sono pronti a darvi tutto l'aiuto di cui avete bisogno. Ora io che l'ho fatto sono nuovamente felice, sono tornata in me, e non è stato neanche difficile, ho trovato tutto l'aiuto di cui necessitavo, ho trovato nuovamente la vera Standard Tech, ho ritrovato Ron e la sua Chiesa, e tutti i miei amici per cui non desidero che farla avere anche agli altri, come è giusto che sia.

Ritratto di MORCIC

Ciao Giuliana, sono Morcic della Croazia, auditor mi parlava tanto di te spero conoscerti presto. Sono molto contento che sei tornata, auditor mi diceva che era imposibile che non vedevi che era un povero accatone, spero tanto di incontrare molto presto anche lui, io sono "caso di guerra"Cool

Ritratto di Giuliana Dalla Pozza

Ciao Morcic,

scusa il ritardo nel risponderti ma sono stata un po' presa in questi giorni, spero anch' io di conoscerti presto, mi piacerebbe molto conoscere nuovi amici, ora che sono tornata, ringrazio anche Auditor per il sostegno che mi dà,lei mi conosce molto bene, probabilmente quasi più di me, nel momento che ti diceva che non vedevo che era un accattone, non mi riconoscevo più neanche io. Ora sono tornata in me e spero di dare al gruppo il mio sostegno. Ciao Giuliana

Ritratto di antonella

Brava Giuliana

Ritratto di Giuliana Dalla Pozza

Grazie Antonella,

ciao Giuliana