Fabbricare menzogne

bisbigliare nelle orecchie

«La tecnica consiste nel cercare di portare la reputazione così in basso, che alla persona, compagnia o nazione vengono negati tutti i diritti per “accordo generale”. Dopodiché è possibile distruggere la persona, compagnia o nazione con un attacco minore, sempre che la stessa propaganda nera non abbia già ottenuto tale risultato.»

L. Ron Hubbard
(HCO PL 21 Novembre 1972
“Come occuparsi delle campagne di propaganda nera”)

Prima di proseguire con gli articoli già programmati, abbiamo deciso di dare il dovuto risalto ad un commento ironico e intelligente di uno dei nostri utenti più attenti e graffianti: Motoperpetuo.

Uno scritto che riassume egregiamente il senso della storia e fa comprendere ancor meglio l’ultimo articolo pubblicato. E’ anche propedeutico ai prossimi articoli che pubblicheremo su questo soggetto interessante e importante.

Commentando l’articolo Vanity Fair e Marty Rathbun , Motorpetuo ha abbozzato in chiave satirica una conversazione che potrebbe aver avuto luogo tra Marty Rathbun, Mike Rinder e Maureen Orth, l’autrice dell’articolo di Vanity Fair oggetto del nostro ultimo post.

Titolando il commento “Quando ce vò ce vò, ecche cavolo”, il nostro ironico amico ha ipotizzato che questi tre personaggi avrebbero inventato la storia di Nazanin Boniadi concordando preventivamente quali menzogne inventare, come raccogliere testimonianze corroboranti e come pubblicare il tutto su Vanity Fair evitando le reazioni della Chiesa.

Secondo noi è molto più che un’ipotesi. Anzi, viste le precedenti esperienze con i vari media con cui collaborano Rathbun, Rinder e soci, siamo propensi a pensare che sia una certezza.

Magari qualche dettaglio può variare, ma nella sostanza questo è ciò che è accaduto, in questo caso e in molti altri. D’altra parte, se avete letto con attenzione l’’articolo precedente e i relativi allegati, ci sono molti dettagli che avvalorano questa versione.

Ma lasciamo la parola a Motoperpetuo.

________________________________________

Commento di Motoperpetuo del 20 settembre 2012
all’articolo Vanity Fair e Marty Rathbun

La Nazanin Boniadi era parte del gruppetto (ndr: di Rathbun) già da un bel po'. Qualcuno gli avrà presentato la giornalista e hanno imbastito la storia.

Puoi giocarci il piffero che è andata più o meno così:

Rattobum : "Cara Maureen ce l'ho io una tipa che può darti la storiaccia per Svanity Forc, basta che tu prendi accordi con i tuoi capi" .

Orth: "Per quello non c'è problema, gli dico che ho delle fonti attendibili. Ma tu devi farle dire qualcosa di appetibile e trovare testimoni accomodanti che confermano" .

Rattobum: "Certo, le facciamo dire che Tom l'ha insidiata (no questa non regge, la tipa è fin troppo facile). Oppure che le ha fatto qualche torto assieme a Miscavige. Tipo che l'ha selezionata come moglie, Tom le ha dato corda e poi l'ha mollata e lei ci ha sofferto molto, fino a finire dallo psicanalista. Tra l'altro è vero che lei va dallo strizzacervelli tra una session e l'altra che le do. Con una madre come la sua è inevitabile. Che ne dici Mike?"

Rinder: "Beh, ora che è ancora calda la storia della Holmes la storia della selezione sarebbe perfetta. Potremmo anche dire che lei era la miglior candidata come futura moglie di Tom, ma che Miscavige non era d'accordo e che Tom ha obbedito. Miscavige si è imposto come un dittatore, ha maltrattato Nazanin, eccetera".

Orth: "Buona l'idea, mi sembra un'ottima storia. Ma la tipa ci sta a sostenere la parte?"

Rattobum: "Non ti preoccupare, quando le dirò che potrà apparire su Svanity e sui media internazionali, verrà di corsa senza mutande e le facciamo dire quel che vogliamo".

Rinder: "Sì, poi possiamo sempre usare Haggis per avvalorare la storia, così anche lui si fa un po' di pubblicità sui media, visto che è a corto di denaro" .

Orth: "Sì, Haggis va bene perché è anche lui del mondo dello spettacolo. Ma bisogna stare attenti perché la chiesa non starà ferma e se mettono la Naz sotto torchio finisce che la cosa ci scoppia in faccia. A me la tipa non sembra molto tosta".

Rattobum: "Non c'è problema, poco prima dell'uscita dell'articolo la facciamo sparire per un po'. Glielo chiedo a Tiziano Lugli che non può rifiutarmi nulla. La mettiamo da qualche parte fuori dai piedi dove nessun avvocato, investigatore o giornalista la potàò trovare, finché la faccenda non è andata in porto".

Orth: "Uhmm, potrebbe funzionare, però io avrei bisogno di un paio di altre fonti. Qualcuno che può dire che conosce i fatti e li conferma. Haggis può dire che ha parlato con lei, ma servirebbe qualcuno che possa dire di aver visto le cose accadere di persona".

Rattobum: "Ce l'ho io chi fa per noi e che ha bisogno di grano come dell'aria: Marc Headley! Deve pagare 43.000 dollari alla Chiesa per i processi persi e non sa dove sbattere la testa. Svanity gli paga questa somma da fondi neri per gli informatori e io camuffo dicendo che faccio una colletta sul blog. Magari tiro su davvero qualcosa, che non fa male. Stai certa che se prometti a Headley quella somma (pensa: poi me ne faccio dare una fetta), così riesce a pagare quel debito delle spese processuali e togliersi gli avvocati della chiesa dal collo, sarà disposto a testimoniare tutto quello che vogliamo".

Rinder: "E' importante però che tutti i nomi rimangano riservati finché sarà troppo tardi per fermare l'articolo".

Orth: "Questo è facile. La chiesa la contatterò all'ultimo minuto come al solito e non avranno tempo di fare niente. Gli dirò che ho sentito tanta gente e non gli darò i nomi".

Rattobum: "Sì, ma non sottovalutiamoli perché potrebbero far causa, oppure ottenere un'ingiunzione dal tribunale. Bisogna che gli capiti tutto all'improvviso come una sorpresa".

Orth: "So io come fare. Intanto elaboriamo bene la storia da far raccontare alla tipa. Deve essere credibile, qualcosa che faccia scalpore ma che non sia facile da smentire. Non avendo nomi nè dettagli, la chiesa potrà solo dire 'non è vero niente' e potrà solo arrabattarsi finché Svanity non esce in edicola".

Rinder: "Mi piace. Poi io e te Marty possiamo sempre dire che succedeva anche quando eravamo ancora nella Chiesa. I nostri galoppini e i vari cloni lo confermeranno sui blog e tutti i media seguiranno a ruota".

Rattobum: "Bene, così promuovo anche il mio libro e ci faccio qualche altro soldo che non guasta".

Orth: "Ok, ragazzi, mettiamoci al lavoro e rifiniamo la storia, che poi dobbiamo contattare Haggis, Headley e gli altri che ci servono. Quindi io devo mettermi a scrivere".

Rat&Rin: (allunisono) "Sì, dai bello, ottimo. Stavolta li facciamo neri".

E fu così che la verità rathbuniana sulla vicenda di Nazanin Boniadi, finta selezionata fallita come moglie di Tom vide la luce su Svanity Forc. Smile

________________________________________

L’analisi ironica e impietosa di Motoperpetuo è purtroppo confermata da situazioni che stiamo vivendo anche in questi giorni.

Ce lo conferma un altro utente che ogni tanto ci fa visita e che è molto vicino agli addetti ai lavori: Ilario. In risposta a Motoperpetuo conferma che si può provare:

“Posso confermare e provarlo documenti alla mano che è successo così con ognuno di questi giornali scandalistici.

Piccini aveva mandato a Milano Org domande assurde e oltraggiose DOPO che aveva concordato l'articolo con i Lugli e DOPO averlo scritto.

Pinotti ha fatto lo stesso per Sette: ha mandato le solite domande da faccia da schiaffi DOPO aver scritto l'articolo concordato con la Po.

Tutto uguale, monotonamente, stupidamente, criminalmente uguale.”

Etica e Verità


Per commentare l'articolo val al forum.