I miei giorni da Indipendente

formerly-duped

Questa è la storia di un ex squirrel indipendente che si firma “Formerly Duped” (dove “Formerly” sta per “Precedentemente” e “Duped” per “Abbindolato”), pubblicata mesi fa su un blog americano.

E’ ancora attualissima e crediamo si abbini egregiamente con la storia che abbiamo pubblicato l’altro giorno col titolo “Rivelazioni di un ex-Dipendente di Robert Almblad”.

Fornisce uno spaccato da “dietro le quinte” della vita squallida che costoro conducono, al di là delle roboanti dichiarazioni e delle apparenti “vite avventurose” frutto di manie di grandezza.

(grazie ad Athena per l’eccellente opera di traduzione)

by Formerly Duped

Il primo pensiero che mi passò per la mente quando vidi per la prima volta il sito di Marty Rathbun in cui offriva auditing, fu: “Marty è uno squirrel!” e il pensiero successivo “Come può una persona che ha ricoperto una carica così importante in RTC e che ha dovuto combattere battaglie per difendere la nostra religione, andare così alla deriva?”

Poiché aveva ricoperto un ruolo così importante nella Chiesa, pensai che fosse corretto leggere quello che diceva e come mai stesse agendo in quel modo.

Più leggevo, più scendevo di tono. Ero scioccato e disgustato e, sulle prime, dubbioso sulla veridicità di ciò che Rathbun stava dicendo, ma continuai a leggere perché la cosa riguardava la mia Chiesa.

In ogni sua riga, Marty attaccava COB, cercando argomentazioni per dipingerlo come un SP. Non ho mai avuto contatti veri e propri con COB, quindi non possedevo dati di prima mano su cui formarmi un giudizio personale. Prima di leggere queste cose non avevo mai provato sentimenti negativi nei confronti della Chiesa ed ero sempre stato molto attivo nel supportarne le attività. Ma dopo aver letto le cattive notizie che Marty scriveva, mi sentii in qualche modo tradito.

Fatta questa premessa, quando ora riesamino quegli avvenimenti, comprendo che ogni cosa detta da Marty era infondata, ma a quel  tempo iniziai a chiedermi: “Che fare se quello che lui dice è vero? Devo semplicemente continuare ad aiutare la Chiesa sperando che queste cose spariscano? O mi dovrei unire a Marty e alle persone che l’hanno già fatto?”.

In passato la Chiesa ha già dovuto affrontare momenti difficili, ne è sempre uscita in piedi e ha intrapreso azioni per correggere le cose che non andavano, ma Marty stava parlando di cose che stavano accadendo adesso, che io non avevo alcun modo di verificare e quindi le domande che mi facevo rimanevano senza risposta. Non avevo mai avuto esperienza diretta né avevo mai assistito ad alcuna delle cose che Marty e altre persone a lui associate raccontavano. Certo, anch’io ho avuto momenti difficili. Avevo anche i miei overt, che distorcono l’obiettività di un individuo e ti mettono fuori comunicazione con il gruppo, ma ogni volta che io o altri nella Chiesa trovavamo cose che non andavano, eravamo in grado di correggerle.

Più andavo avanti a leggere le cose che Marty scriveva, maggiore era la sensazione d’impotenza che provavo e la convinzione che questa volta le cose erano differenti e che la Chiesa non era più in grado di auto-correggersi. Questo è quanto Marty stava in realtà dicendo. Notavo che ogni cosa detta era focalizzata su COB. Ogni piccola cosa che non andava, fino alla più stupida email inviata da qualche membro dello staff senza esperienza, era attribuita a COB.

Iniziai a credere a ciò che Marty scriveva, anche se personalmente non avevo mai sperimentato alcuna di quelle cose. Sentivo che dovevo la mia alleanza alla Chiesa poiché questa era stata creata e voluta da LRH per portare Scientology nel mondo ma, per qualche motivo che non riesco a spiegare completamente, cosa che solo ora sta cominciando a quadrare, ho ritirato la mia lealtà alla Chiesa e in modo silenzioso sono diventato un Indipendente.

Sulle prime me ne stavo zitto. Tenevo per me le mie considerazioni, limitandomi a leggere i siti e i commenti delle persone che parlavano negativamente della Chiesa. Non ero arrivato a comprendere, in quel momento, che ciò che stavo leggendo era puro entheta e che, perché potesse persistere, doveva contenere delle bugie.

Guardandomi indietro, un sacco delle cose che sono state dette erano solamente un brutale criticismo farcito con generalizzazioni soppressive. Ma a quel tempo mi ero fatto la convinzione che fosse la verità e non ero neppure in grado di vedere che erano generalizzazioni o che qualsiasi cosa veniva rigirata in chiave entheta.

Gradualmente iniziai a comunicare con persone che sapevo essere fuori dalla Chiesa.

Una di queste alla quale parlai era Christie Collbran.

Lei e suo marito Chris vivevano in Florida, dove avevano acquistato una casa dopo essere usciti dalla Sea Organization. Stavano pagando i loro debiti quando furono dichiarati persone soppressive, dopo che la Chiesa aveva saputo che stavano aiutando Marty Rathbun nelle sue attività. Ricordo che Christie era molto arrabbiata col fatto che i suoi genitori non le parlassero più perché si era legata al peggior tipo di SP.

Lei era sempre stata molto legata alla sua famiglia e ora loro le giravano le spalle perché si sentivano traditi. Questo succedeva molto tempo prima che lei andasse a rilasciare interviste in TV. Immagino cosa pensino ora di lei i suoi genitori.

Un’altra persona con la quale mi misi in contatto era Amy Scobee.

E’ stato da Amy che ho sentito un sacco di pesante criticismo e storie che sapevo essere esagerate, ma che ho ascoltato lo stesso. Non potevo fare a meno di chiedermi che tipo di junior poteva essere quando operava nella Chiesa. Amy è sempre stata pronta a spargere pettegolezzi su altri, quindi era cosa nota che bisognava sempre verificare le cose che ti diceva. Un giorno Amy si vantò con me che era lei che organizzava le cose per le persone che fuoriuscivano dalla Chiesa. Mi disse che stava organizzando un gruppo di ex-membri della Sea Organization e questo faceva parte di un più ampio piano per impossessarsi della Chiesa e di estromettere COB. In un’altra occasione mi disse che era stata lei a organizzare le interviste agli “ex” con il quotidiano St. Petersburg Times.

Quindi esisteva un piano per cercare di impossessarsi della Chiesa.

Beh, più che un piano lo definirei una serie d’interminabili discussioni e finì in niente quando alcune persone, tra cui Larry Brennan, si rifiutarono di averci qualcosa a che fare, perché erano stanchi anche di Scientology.

Amy mi parlò dei viaggi che Marty aveva fatto a Denver per incontrare Mike Rinder, dove viveva e lavorava come venditore in una concessionaria della Toyota. Era fidanzato con una ragazza di nome Teresa che aveva un’attività commerciale e si occupava allo stesso tempo di crescere i suoi figli. Mike non aveva più una famiglia che gli parlasse. Non guadagnava granché a causa della crisi nel settore delle auto, ma lui e Teresa stavano pianificando di sposarsi. Erano anche andati a vivere assieme ma la cosa non aveva funzionato. Mike aveva idee più “giovani” in mente.

Teresa non era contenta delle continue telefonate e visite di Marty, che non godeva delle sue simpatie, visto il suo atteggiamento arrogante. A Teresa sembrava solamente interessato a coinvolgere Mike in qualcosa che sarebbe andato a esclusivo beneficio di Marty. Dal canto suo, Mike aveva un rapporto di odio/amore con Marty: lo odiava ma cercava anche di emularlo. Alla fine Marty convinse Mike a cooperare con il quotidiano St. Petersburg Times, ma prima che la cosa si concretizzasse, Marty si recò a Denver con la BBC verso agosto e convinse Mike a farsi intervistare prima da loro per uno show televisivo contro la Chiesa condotto da John Sweeney.

L’economia nel frattempo stava andando a rotoli e Mike si era reso conto che le sue prospettive economiche come venditore di auto non erano per niente rosee. Marty e Christie Collbran aiutarono Mike facendolo assumere da Matt Argall a Clearwater.

Matt Argall ha una storia degna di essere raccontata.

E’ uno dei proprietari di una società di  telemarketing con annesso call-center chiamata “Impulse Marketing” che vendeva un po’ di tutto, da accessori di telefonia a sistemi per scommesse su Internet. Argall si era legato a Marty poco dopo che questi aveva annunciato su Internet di essere disponibile a intraprendere una nuova attività. Matt è stato una delle prime persone a mettersi in contatto con Marty, recandosi in Texas da lui e promettendogli che avrebbe supportato la sua causa, quindi era naturale che mettesse sul suo libro paga Mike Rinder, così da contribuire alla causa di Marty e tenere Mike nel gruppo.

Mike spuntò un accordo molto lucrativo con Matt Argall che gli pagava dai 20.000 ai 30.000 dollari il mese. L’idea era che Mike, con la sua “grande esperienza di executive”, avrebbe aiutato Matt a far schizzare alle stelle le vendite della Impulse Marketing che, all’insaputa di Mike, stava in realtà vivendo una grave crisi d’insolvenza e di problemi con i clienti. Ma questo sarebbe stato un grosso incentivo economico per Mike, quindi fu convinto a spostarsi da Denver a Clearwater. Non appena Mike firmò il contratto con Matt Argall, Matt lo portò a fare un viaggio, tutto spesato da lui, alle Bahamas con altri amici della banda, che facevano uso di droga. Il lavoro poteva aspettare.

Christie mi raccontò un po’ riguardo all’auditing che aveva ricevuto in Texas da Marty e della sua situazione con il marito Chris. Mi disse che le cose le andavano bene, in generale, ma a casa le cose erano iniziate a precipitare dopo la sua prima visita in Texas. Parlate a chiunque li conosceva e sentirete dire che Chris Collbran era sempre stato una persona un po’ sconsiderata e Christie era quella che cercava, in un modo o nell’altro, di metterlo in riga da un punto di vista di etica.

L’auditing fatto con Marty doveva essere qualcosa che li avrebbe aiutati nella loro Seconda Dinamica, ma in realtà quello segnò l’inizio della fine del loro matrimonio. Chris iniziò a far uso di droga sempre più frequentemente e ad avere rapporti extra-coniugali e decise che non voleva avere più niente a che fare né con Scientology né con gli squirrel della cosiddetta Free Zone.

Christie alla fine ne ebbe abbastanza di Chris e decise di lasciarlo. Non è molto noto, ma Christie si era sposata molto giovane, la prima volta a 16 anni. Il matrimonio era durato meno di un anno. Si era poi sposata con Chris quando ne aveva 21 ed era nato un figlio, Shane. Poco dopo aver preso la decisione di separarsi da Chris, Christie non lasciò passare molto tempo prima di iniziare il suo rapporto con Mike Rinder che, francamente, potrebbe abbondantemente essere suo padre.

Circa in quel periodo si stavano definendo gli accordi lavorativi tra Mike Rinder e Matt Argall e Haydn James, vecchio amico di Marty, che aveva problemi economici perché lui e sua moglie Lucy erano stati licenziati. Fino a quel momento avevano lavorato in uno studio dentistico in Texas di proprietà di un OT 8. Senza alcun lavoro all’orizzonte, anche Haydn andò a lavorare da Argall alla Impulse Marketing.

Sulle prime Matt Argall pensò di aver fatto un grosso colpo assicurandosi la collaborazione di Mike Rinder e Haydn James, entrambi ex–executive della Chiesa. Haydn era il suo “Golden Boy” e Mike Rinder il suo “Bulldog” e pensava che avrebbero risanato le vendite in costante calo dell’Impulse Company.

La collaborazione non durò a lungo.

Matt è un personaggio appariscente cui piace fare la parte del giocatore d’azzardo e guidare belle auto. Gli piace pensare di essere un genio del business. Tutti “amano” Matt perché ha un sacco di soldi che elargisce facilmente. Ma il telemarketing è un business rischioso. Una ditta può fare milioni come pure ridursi a non avere alcuna entrata. In meno di due mesi l’ingaggio di Mike e Haydn con l’Impulse Marketing finì.

Haydn mi disse che a entrambi loro erano state prospettate grosse entrate lavorando per Matt, ma che avevano presto scoperto che la sua attività stava in realtà andando a rotoli. Anche se cercarono di non far trasparire la loro delusione, sia Mike sia Haydn si sentivano traditi da Matt. Mike aveva lasciato il suo lavoro e il suo appartamento a Denver trasferendosi a Clearwater. Haydn aveva fatto lo stesso spostandosi dal Texas. Per lui in realtà era stato ancora peggio, perché aveva dovuto anche trasferire la moglie e due figlie. Proprio quando Haydn e Mike avevano appena affittato una grande casa dove vivere tutti assieme e si stavano sistemando, il castello di carte di Matt alla Impulse Marketing iniziò a crollare.

Matt aveva anche assunto alle sue dipendenze Cathy Greenbaum, “Indipendente” di Clearwater che recentemente si è quasi rotta il collo cadendo in casa di Rinder (quando appresi dell’incidente di Cathy, temevo fosse caduta un’altra volta dalla station wagon, in stato di ubriachezza). Anche Cathy è stata vittima dei grandi piani di Matt Argall per dare supporto alla causa degli Indipendenti. Anche a lei erano state fatte promesse economiche da Matt che poi non si sono realizzate.

L’unico che ancora lavora per Matt oggi è Tom DeVocht, che ha ceduto la sua attività di vendita di mobili a Winter Haven spostandosi a Palm Harbor, in base alla promessa di grosse prospettive economiche fattagli da Matt se avesse lavorato con la Impulse Marketing, che non si sono mai materializzate. Tom alla fine ha dovuto accettare come lavoro quello di ristrutturare la casa di Matt.

Quasi dimenticavo: rimasi veramente sorpreso il giorno in cui Alison Andrus apparve sulla scena dal nulla e appresi che aveva iniziato una relazione di 2D con Tom DeVocht.

Osservando queste cose iniziai a chiedermi cosa stessi veramente facendo assieme a questa gente, e compresi di non essere dalla parte giusta della barricata. Fare squirrel con la tech non era una cosa su cui ero d’accordo e Marty e gli “Indipendenti” avevano invece abbracciato completamente queste pratiche.

La mia fortuna fu di imbattermi in un vecchio amico, uno Scientologist che rispettavo e che conoscevo da 15 anni. Parlammo della questione Indipendenti e mi raccontò dell’intervista rilasciata da Christie Collbran al giornalista televisivo Matt Lauter. Mi fece capire come, nonostante le loro parole di agire per la difesa di Scientology, le loro azioni dimostravano il contrario: Christie, ad esempio, stava dando pieno supporto alla causa degli “Indipendenti” e denigrando la Chiesa, la Sea Organization e la tech di LRH allo stesso tempo con le sue dichiarazioni pubbliche.

L’idea che qualcuno possa commettere questi atti soppressivi e colpire “solamente” la Chiesa senza creare danni a Scientology, è pazzesca. O Christie si era fatta totalmente abbindolare o non ci stava più con la testa oppure era invece consapevole di quanto stava facendo.

Una persona non può commettere azioni soppressive dicendo che lo fa per aiutare e sperare che qualcuno le creda.

Se vuoi distruggere Scientology, non devi fare altro che compiere le azioni elencate da LRH nella policy degli “Atti Soppressivi, Soppressione degli Scientology e degli Scientologist”, che è ciò che Christie e i suoi nuovi amici stanno facendo.

Formerly Duped


Per leggere i commenti all'articolo sul vecchio blog visita questa pagina.

Per continuare a commentare l'articolo vai al forum.