Il vizietto di Rathbun e degli squirrel

mano che piange

«Da un bel po’ di anni usiamo l’espressione “fare squirrel”. Indica l’alterazione di Scientology, pratiche non ortodosse. È una cosa negativa.»

L. Ron Hubbard
(HCO PL 14 febbraio 1965 SALVAGUARDARE LA TECNOLOGIA)

Marty Rathbun ha un vizietto con il quale ha contagiato i suoi seguaci. Non mi sto riferendo all’ormai scontato vizio di mentire che abbiamo documentato in vari articoli, ad esempio Canaglie, disonesti e bugiardi , ma al vizietto di usare impropriamente i dati di LRH citandoli fuori dal contesto, alterandoli e piegandoli ai propri bisogni perversi.

E’ un’attività che, se osservata e smascherata, fa rabbrividire lo Scientologist onesto e azzera la credibilità di chi la pratica. Non c’è da stupirsi poi se, come abbiamo scritto nell’articolo di ieri Il problema finale di Marty Rathbun , non gli danno retta. Non certo perché sono incapaci di affrontare la sua “verità”, bensì perché gli Scientologist non amano gli squirrel, tanto meno gli squirrel che tentano di circuirli con le bugie.

Gli squirrel italiani estimatori di Rathbun, invece, credono alle sue bugie per motivi che ho spiegato nel seguente commento di qualche giorno fa e che vale la pena rileggere:

«Etica e Verità scrive:
22 gennaio 2012 alle 18:18

E’ certamente irreale, nel senso che una persona normale deve forzare la propria realtà per capire come mai, persone che sembravano senzienti e raziocinanti, possano oggi credere alle panzane chiaramente illogiche di un pazzo.

Ma è possibile capirlo se si osserva la cosa alla luce dei dati di Ron sul funzionamento del bank, del meccanismo overt-motivatore e della natura del rapporto PTS/SP. La razionalità non ha nulla a che fare con le azioni di questa gente.

Nell’HCOB 7 agosto 1979 “RIMOZIONE DI DATI FALSI”, alla sezione “PROPENSIONE AD ACCETTARE DATI FALSI”, Ron ha scritto che “Qualche persona è propensa ad accettare dati falsi. Questo proviene da overt commessi prima che il dato falso venisse accettato. Il dato falso poi agisce come una giustificazione per l’overt”.

In breve, questa gente accetta i dati falsi di Rathbun perchè hanno commesso overt prima di accettarli ed ora, quegli stessi dati falsi, gli fanno comodo come giustificazione per gli overt che avevano commesso.

Ad esempio, uno di loro potrebbe aver commesso l’overt di alterare la tech di supervisione di un corso (vedi Serafini), o di rubare i soldi ai public di Flag (vedi FrecciaRossa/Davide), o di aver sfruttato la Chiesa di Scientology/COB per crearsi una reputazione immeritata (vedi Lugli), o aver alterato ripetutamente la tech in auditing (Tidu), eccetera. Poi arriva Rathbun che spara una serie di dati falsi raccapriccianti su COB e sulla Chiesa. A questi signori fa comodo accettare questi dati falsi, perchè i loro overt appariranno meno gravi se questi dati falsi vengono accettati come veri. Anzi, ad un certo punto, dopo un bel po’ di altri crimini commessi, tali overt appariranno come “meritati” dalla Chiesa.

Il fatto che ci siano altre persone che, come loro, accettano e ripetono quei dati falsi, innesca il meccanismo del bank agreement. Tanto più che, magari, tra le mille bugie, qualche irregolarità è realmente accaduta nella Chiesa. Magari quelle commesse da qualcuno di loro mentre era staff.

In realtà, una certa “logica” c’è in tutto questo. C’è anche una certa spinta verso la sopravvivenza. Cioè, per non soccombere al peso dei loro O/W accettano i dati falsi così “hanno avuto ragione” a commettere overt, perché “COB e la Chiesa lo meritavano”. La commissione di ulteriori overt contro la Chiesa, gli rende ancora più sostenibile il peso dell’intero fardello. Seppure aberrata, è una spinta verso la sopravvivenza.

In effetti, in certe situazioni, possono anche sperimentare una specie di sollievo, specialmente quando fuggono dal gruppo contro cui stanno commettendo overt e si dichiarano “indipendenti”. Ma, essendo anche questo un grosso overt, da lì in poi dovranno commetterne molti altri per rendere sbagliato il gruppo che hanno danneggiato e tradito.

Un meccanismo perverso e anche un po’ triste, ma spiega come “qualcuno possa dare retta a un elemento come Rathbun”.

Davide»

Appurato che gli squirrel credono a Rathbun perché sono “propensi ad accettare dati falsi” a causa dei loro overt, prendiamo ora atto della loro propensione, mediata da Rathbun , ad usare i dati di Ron, alterandoli, per sostenere le loro bugie.

Un esempio evidente in questo senso lo ha messo in luce Leonida poche ore fa con il seguente commento da me moderato per renderlo meno “spigoloso”:

«Leonida scrive:
25 gennaio 2012 alle 02:08

Il problema di base è che hanno mal comprensioni enormi su Scientology, oltre alle montagne di overt.

Qualche ora fa sul blog dei Lugli, sputando veleno contro Miscavige e contro la Chiesa come al solito, tal Mario ha citato un pezzetto di bollettino di Ron fuori contesto proprio per sminuire i fondamenti.

Il bollettino citato, secondo lui è l’HCOB 7 giugno 1961 “Schedula dell’accademia, Chiarificazione di”, dal quale ha estrapolato la seguente frase: “Ti puoi divertire con la teoria fuori da un’Accademia, puoi leggere dei libri e così via. Ma solamente in una Accademia puoi IMPARARE certe cose, e nessun libro al mondo te le insegnerà”,

Il tutto ovviamente per dire che i Fondamenti e la spinta a studiarli è un’alterazione di Miscavige che viola i bollettini di Ron distogliendo gli Scientologist dall’accademia,

In primo luogo sbaglia il titolo del bollettino, che in realtà è l’HCOB “CHIARIFICAZIONE DEL CURRICOLO DELL’ACCADEMIA”.

Il significato del pezzo citato da questo “genio” cambia parecchio se lo si inserisce nel suo corretto contesto. Eccolo:

“Ecco la linea guida in tutti questi dati: potete gingillarvi con la teoria fuori da un’Accademia, leggere libri e così via. Ma certe cose si possono IMPARARE solo in un’Accademia e neanche tutti i libri di questo mondo saranno in grado di insegnarvele.
Si tratta di: TR da 0 a 9, Seduta modello in ottemperanza ai TR, E-Meter, CCH, Scala di Prehavingness ed il suo uso nell’assessment, come percorrere i livelli generali di Prehavingness, come fare una Verifica di sicurezza.
Queste sono cose che non si possono imparare da nessun’altra parte. Perciò l’addestramento, nel suo complesso, non dovrebbe essere diretto ad una classe, perché il terminale chiamato classe non audirà mai nessuno. L’addestramento, in sostanza, dovrebbe consistere nel fatto di addestrare singoli studenti ad audire le persone, poiché saranno i singoli studenti e non una classe quelli che effettueranno l’auditing.
Scoprirete inoltre che se lo studente non ascolta come minimo cinquanta delle mie conferenze registrate, non saprà qual è l’atmosfera o il sapore che accompagna tutto questo
, e perciò svilupperà delle idee piuttosto strane su quanto stiamo facendo e andrà in giro ad attaccare le persone e a ridurle a brandelli, perciò, un’ora al giorno di nastri, per l’intero periodo di otto settimane in cui lo studente si trova qui, è piuttosto importante.”

Un po’ diverso non vi pare? Guarda caso, le conferenze di cui parla Ron sono proprio quelle contenute nei Fondamenti e nei materiali della Golden Age of Knowledge.

Tra l’altro il bollettino dovrebbe essere letto per intero per capire di cosa sta parlando Ron, cioè di riordinare la sequenza dell’addestramento degli auditor da usare in HGC.

Ma il furbetto, per poter dare addosso a Miscavide e alla Chiesa, cita solo un pezzetto del bollettino di Ron alterando il senso del suo messaggio.

Insomma non si fa alcuna remora di usare il nome e gli scritti di Ron travisando il suo messaggio per poter diffamare le Org di Ron .

Leo»

Leonida ha centrato il punto ed ha smascherato il vizietto della menzogna “specializzata” dello squirrel che si firma Mario .

Ma la pratica di citare parzialmente gli scritti di LRH o usarli fuori contesto, non è l’unica versione del vizietto che hanno sviluppato. C’è anche la versione del vizietto di negare l’esistenza di scritti di LRH che pur conoscono, come nell’esempio segnalato da Anvedio col seguente commento:

«anvedio scrive:
25 gennaio 2012 alle 02:24

Se è per questo, un paio di commenti dopo quello di Mario, ha scritto un certo Antonino tirando fuori una menzogna anche peggiore. Ha scritto testualmente: “DM farebbe meglio a dire che il vero motivo perchè fa questo è che il Ponte è FINITO A OTVIII e lo vuole tenere nascosto!!!!!!!”

Altro letame inutile e completamente infondato su Miscavige che, tra l’altro, ha lo scopo di turbare la gente invalidando la loro speranza di proseguire sui livelli OT.

Un’affermazione totalmente falsa, dato che Ron ha scritto una cosa ben diversa in un bollettino che abbiamo pubblicato recentemente e citato anche oggi, cioè l’HCOB del 30 Luglio 1973 “SCIENTOLOGY, STATO CORRENTE DEL SOGGETTO E MATERIALI”, dove Ron ha scritto:

“Ci sono forse 15 livelli sopra OT VII pienamente sviluppati ma che esistono solo sotto forma di appunti non pubblicati, nell’attesa che una maggiore quantità di persone raggiunga il pieno stato di OT VI e VII.”»

Lo scopo di queste citazioni alterate o della negazione di scritti di LRH, oltre che essere tentativi di turbare e restimolare, è anche quello di denigrare la Chiesa e i suoi leader.

Non crediate che si tratti di casi isolati di due squirrel particolarmente ignoranti, perché non è così. Si tratta di una strategie ben precisa, attuata da Rathbun e dai suoi fedelissimi, per scuotere i dati stabili degli Scientologist nella speranza di allontanarli dalla Chiesa e dal Ponte.

Infatti, sul blog degli squirrel gestito dai Lugli , proprio nel post pubblicato oggi col titolo “La soluzione sicura”, hanno citato un ampio estratto della conferenza di LRH del 5 settembre 1963 “L’ASSESSMENT DEL FACSIMILE DI SERVIZIO“.

L’autore del post, Camillo Benz , è uno dei fondatori del blog e fanatico seguace di Rathbun .

Con questo post ha cercato di dimostrare, offendendoli ancora una volta, che gli Scientologist scelgono la “soluzione sicura” di non ascoltare le loro bugie a causa dei loro facsimili di servizio .

Nel farlo, anche lui pratica il vizietto di citare fuori dal contesto i dati di LRH e, da un testo di 28 pagine, alterandone la trascrizione e partendo da pagina 12, ha estrapolato le tre pagine seguenti pescando pezzi qua e là:

«Questo è molto, molto importante. La soluzione sicura può essere espressa come “decisione sicura”, “presupposto sicuro”, “trattamento sicuro”, “ambiente sicuro”, “posizione sicura”.

Questo è un mondo che è basato sulla sicurezza.

Per esempio, sta cercando di tenere in piedi gli ideali e gli ideali dei diritti umani. Ma notiamo che i diritti umani e la libertà umana stanno soccombendo. Perché? Ci sono venti spettatori lì attorno che guardano i poliziotti mentre calpestano i diritti umani di un cittadino, e questo avviene perché stanno tutti operando con una soluzione sicura. In questo modo tutti i diritti umani spariscono giù per il settore delle soluzioni sicure.

È come lo scarico della vasca da bagno. Avere una soluzione sicura è la cosa più pericolosa del mondo perché è lo scarico dal quale defluisce la sanità mentale.

Una soluzione sicura impedisce l’osservazione. E ogni cosa che impedisce l’osservazione è distruttiva.

(…)

La gente adotta soluzioni di sopravvivenza che in seguito diventano così sicure da diventare contro sopravvivenza.

Così ora avete inserito un dato completamente nuovo. Avete un dato completamente nuovo che, nel campo della salute mentale, è tanto coercitivo e comprensivo quanto la sopravvivenza lo è per la vita.

Le persone risolvono le cose nella direzione della sopravvivenza anche quando ciò significa che devono soccombere. Quando si entra nel campo della salute mentale, in effetti si stanno esaminando le difficoltà che le persone hanno nel sopravvivere. Ma il metodo base della sopravvivenza è la soluzione sicura, perché quella dà ragione all’individuo e dà torto agli altri, e perciò intende aumentare la sopravvivenza della persona determinando una posizione di dominio; gli permette di sfuggire al dominio e di dominare gli altri; e poi ai livelli più alti gli permette di sopravvivere e fa sì che gli altri soccombano... lui pensa. Con grande sorpresa, troverete il suicidio come calcolo di sopravvivenza, man mano che diventa sempre più aberrato. Come sopravvivere: non sopravvivendo, naturalmente.

Ognuno sta risolvendo quel problema. Come fa a sopravvivere il taccagno? Come fa a sopravvivere? Beh, ogni tanto a New York ne scovano uno in una soffitta, o qualcosa del genere, che era morto da tre o quattro settimane. E il tipo non aveva nessuna imbottitura nel materasso, all’interno del materasso non c’erano altro che banconote da cento dollari. Il suo metodo di sopravvivenza è di avere molto denaro. Quella è una soluzione molto sicura. Ma nella sua ossessione per questa soluzione sicura ha trascurato di spendere qualcosa per vivere.

Man mano che l’attenzione diviene sempre più concentrata, diviene anche sempre meno ragionevole.

Per essere totalmente saggio, è necessario che un individuo sia capace di osservare il suo ambiente. Deve anche essere capace di permeare il suo ambiente. Deve essere capace di protendersi.

Non è sufficiente avere un paio di massime riposte dietro il vostro midollo allungato sinistro e farvi riferimento nei momenti di stress.

(…)

La filosofia, per la gente, è tutta mescolata con queste facezie, con queste banalità. Analizzano la filosofia per ottenere delle soluzioni sicure. Potete prendere un testo di filosofia che era nella biblioteca locale, uno di quei libri pieni di appunti scritti a matita sui margini, e tutto ciò che vi leggete sono cose sulle quali la gente è ampiamente d’accordo ma che sono anche considerate delle soluzioni sicure.

La filosofia, quindi, non è uno studio della saggezza. La filosofia è semplicemente uno studio delle soluzioni sicure. In effetti, questo la rende un’attività di livello molto basso.

(…)

Bene, quella soluzione sicura è ciò che chiamiamo facsimile di servizio. Non è nient’altro che quello.

(…)

Ricordate che il pc ha adottato questa soluzione perché non poteva sopportare la confusione. Così ha adottato una soluzione sicura. Una soluzione sicura viene sempre adottata come ritirata di fronte alla restimolazione ambientale... sempre, inevitabilmente.

(…)

Ma torniamo all’altro caso. Come si fa a innalzare la capacità della persona di resistere alla restimolazione ambientale? Se quello è un fattore importante, come vi ho detto all’inizio di questa conferenza, come si fa a innalzare la sua capacità di resistergli? Beh, estraendo il suo facsimile di servizio. Il suo facsimile di servizio, di fatto, è ciò che riduce – lasciando da parte le sue capacità innate, che potrebbero essere differenti – è ciò che riduce la sua capacità di vedere il proprio ambiente. Quanto più numerose sono le soluzione sicure che ha adottato, quanto più grande è la restimolazione ambientale di cui non sta facendo as–is, quanto più numerose sono le cose a cui non sta di fronte, tanto minore sarà la sua capacità di star di fronte. Questa diventa una spirale che discende con grande velocità e rapidità. Quindi, stranamente, la cosa che riduce la sua capacità di gestire il proprio ambiente è la cosa che ha adattato per gestire l’ambiente in sua vece. Rimuovendola, aumenterete immediatamente la capacità della persona di gestire l’ambiente. 

Perché ora la vede. La esamina. Questa cosa può non renderlo felice, ma non è quello che stiamo cercando di ottenere. Noi non stiamo cercando di rendere una persona felice, stiamo cercando di rendere una persona abile. Ci sono molte persone squilibrate che sono del tutto felici.» – LRH

Nel testo, dove io ho inserito i puntini tra parentesi (…) Camillo Benz ha saltato pagine intere della conferenza per poterle dare il senso alterato che lui voleva.

Non ha spiegato ad esempio che l’intera conferenza si indirizza alle manifestazioni del caso quando si trova in auditing e a come occuparsene. Inoltre ha evitato accuratamente di pubblicare le parti in cui LRH dice che ci sono casi che scelgono “soluzioni sicure buone” e altri che adottano “soluzioni sicure pericolose”:

«Uno ha semplicemente adottato una buona soluzione sicura e l’altro ha adottato una soluzione pericolosa perché è sicura. So che non ha senso. È proprio questo che causa il problema.»

Evita anche di pubblicare le parti in cui LRH afferma che OGNI caso attraversa la fase della “soluziona sicura”:

«Se spostate questi casi nella categoria audibile, li sposterete nel settore della soluzione sicura: tutti i casi passano al settore della soluzione sicura.»

Il suo intento era di USARE i dati di LRH, citati fuori contesto, alterati e spezzettati, per dimostrare che gli Scientolist sono sbagliati e non ascoltano il verbo di Rathbun perché hanno qualcosa che non va.

Un vizietto soppressivo usato di routine per causare scompiglio.

Etica e Verità


Per leggere i commenti all'articolo sul vecchio blog visita questa pagina.

Per commentare l'articolo vai al forum.