Mark "Marty" Rathbun

Pubblicato il 2 Ago 2012

Continua la serie dei nodi tirati col pettine che, a forza di dai e dai, ci regalerà una bella schiera di calvi. Stavolta riguarda il capoccia degli squirrel, Marty Rathbun. La notizia, già nota ai più attenti, è quella della causa persa dai coniugi Marc e Claire Headley . I Rathbun-dipendenti hanno addirittura cercato di sminuire l’ennesima disfatta del loro stratega maximo pubblicando un articolo in paio di giorni fa seguito da commenti di solidarietà e simpatia agli Headley. Ovviamente si sono dimenticati di aggiungere alcuni particolari che spiegano un po’ meglio la storia.

Commenti: 17
Pubblicato il 29 Lug 2012

“Coloro che stanno facendo commenti sprezzanti riguardo a ciò che sta succedendo, stanno semplicemente cercando a modo loro di ostacolare il progresso. In realtà, l’unico risultato che otterranno è ostacolare se stessi”. L. Ron Hubbard (* Caso : Il contenuto completo della mente reattiva)

Commenti: 10
Pubblicato il 16 Lug 2012

«La ragione per cui i gruppi squirrel falliscono al loro primo o secondo anno sta nell’alter-is e nell’abbandono della vera tecnologia, oltre che nel senso di colpa. Qui i casi, se mai ci si occupa di loro, vengono massacrati.» L. Ron Hubbard (HCO PL 20 luglio 1970 “I casi e il morale dello staff”)

Commenti: 15
Pubblicato il 2 Giu 2012

«Sotto l’apparenza di un comportamento sociale, i crimini continui, commessi consapevolmente dalla persona insana, sono molto più perfidi di quanto i testi psichiatrici abbiano mai catalogato. Le azioni della persona insana non sono “inconsce”. Essa è completamente consapevole di quello che sta facendo. Tutte le azioni delle persone insane sono interamente giustificate e a loro sembrano del tutto razionali. Siccome esse non hanno alcuna realtà della natura dannosa e irrazionale della loro condotta, raramente l’E-Meter la rileva. Il prodotto del lavoro che svolgono sul posto è distruttivo, ma viene scusato come ignoranza o errori. Come casi, nel processing normale fanno continuamente roller coaster. Quasi sempre hanno un tono emozionale fisso. In quasi tutte le persone insane esso non varia. In alcune, pochissime, è ciclico, cioè alto e poi basso. Tutte le caratteristiche classificate come quelle della “persona soppressiva” sono di fatto quelle di una persona insana.» L. Ron Hubbard (HCO Bulletin 28 novembre 1970 “Psicosi”)

Pubblicato in: Mark "Marty" Rathbun
Commenti: 13
Pubblicato il 28 Maggio 2012

«Il Capo Internazionale della Giustizia… richiede una dichiarazione pubblica che affermi che la persona o il gruppo soppressivo si rendono conto che le loro azioni erano infondate e dettate da ignoranza, e che esponga, se possibile, le influenze o motivazioni che li hanno indotti a cercare di sopprimere o attaccare Scientology; la fa firmare davanti a testimoni e la fa pubblicare diffusamente, soprattutto tra le persone direttamente influenzate o precedentemente associate allo o agli ex trasgressori.» L. Ron Hubbard (Introduzione all’Etica di Scientology – “Azioni per occuparsi della persona soppressiva”)

Commenti: 14
Pubblicato il 18 Maggio 2012

Che Marty Rathbun alteri la tecnologia di Ron e stia prendendo derive psichiatriche non è una novità. Si finge amico di Ron e “protettore” di Scientology, ma ha confessato ripetutamente e pubblicamente di essere un violento e uno squirrel, basta leggere gli articoli delle sezioni “Marty Rathbun: confessioni” e “Marty Rathbun: crimini tecnici”. Gli squirrel che si sono bevute le sue panzane non hanno abbastanza fegato per leggere questi articoli per quel che sono e, sebbene siano confessioni mai smentite da Rathbun, le hanno già sminuite con patetiche giustificazioni. Ormai, dopo aver accettato per convenienza il famigerato “rundown della menzogna” di Rathbun, Rinder e soci (vedere la sezione “Rundown della menzogna”) e aver commesso vagonate di overt con quella giustificazione, non possono fare facilmente marcia indietro e affrontare la verità, o anche solo osservare i fatti senza pregiudizi.

Commenti: 14
Pubblicato il 14 Maggio 2012

Marty Rathbun è indubbiamente l’ispiratore degli squirrel indipendenti, sia di quelli statunitensi che dei due gruppuscoli italiani che si scannano a vicenda e che fanno capo ai Lugli e ai Minelli. Per quanto cerchino di addurre motivi personali per agire come stanno agendo, è certo, oltre ogni dubbio, che stanno solo seguendo pedissequamente il sentiero che Rathbun ha tracciato. Un sentiero che ha aperto con le menzogne che ha inventato nel 2009 assieme ai giornalisti Joe Childs e Thomas Tobin del fogliaccio anti-Scientology chiamato Saint Petersburg Times (vedere sezione “Rundown della Menzogna” ).

Pubblicato in: Mark "Marty" Rathbun
Commenti: 30
Pubblicato il 8 Maggio 2012

Un’antica maschera della commedia dell’arte italiana ha parecchi tratti in comune con Marty Rathbun : quella del dottor Balanzone. Balanzone, classico personaggio “serio”, sapientone e presuntuoso che si lascia andare spesso in verbosi discorsi infarciti di citazioni colte in latino maccheronico. Pignolo, cavilloso, prodigo di inutili insegnamenti e di consigli inappropriati, è sempre pronto a trovare ogni minima scusa per iniziare uno dei suoi infiniti sproloqui "dotti" a suon di parole storpiate e discorsi ampollosi ma senza senso. Sempre pronto a vantarsi dei suoi titoli, dice di conoscere ogni campo della scienza umana: legge, medicina, astrologia, filosofia; di esse parla in maniera noiosa, mescolandole in un groviglio inestricabile.

Commenti: 14
Pubblicato il 30 Apr 2012

Il Procuratore Generale del Nuovo Galles del Sud ha lasciato cadere le accuse di ostruzione della giustizia nei confronti di Jan Eastgate, Presidente del Citizens Commission on Human Rights . Dopo l’archiviazione della causa, grazie alla Legge sulla Libertà di Informazione, è stato possibile ottenere rapporti interni di polizia, che farebbero emergere una possibile strumentalizzazione delle forze dell’ordine da parte del Senatore australiano Nick Xenophon.

Commenti: 23
Pubblicato il 26 Apr 2012

Marty Rathbun e le sue pittime (nella definizione veneziana di persona che si lamenta di continuo per nulla, es.: “ti xe proprio una pittima”) stanno brontolando per il “tradimento” di Debbie Cook che li ha lasciati in braghe di tela scaricandoli, chiudendo il suo blog e la pagina Facebook e impegnandosi anche a non aver più a che fare con Marty Rathbune la sua combriccola. Loro se ne intendono di tradimenti, quindi lasciamo che si esprimano al riguardo. Alcuni di loro stanno anche meditando di chiederle la restituzione dei soldi che Marty gli ha fatto sborsare per sostenere le spese legali della Cook. Bei polli. Secondo me dovrebbero meditare sul fatto Rathbun è peggio di un albero di banane: non ne fa una dritta. E’ lui che li ha coinvolti in questo ennesimo fallimento, e la restituzione dei soldi la dovrebbero chiedere a lui.

Commenti: 35

Pagine

Subscribe to Mark "Marty" Rathbun