Rathbun – Provocare una scissione per potere e profitto

Serie degli Atti Soppressivi di Rathbun (quinto atto)

“Cercare di provocare la scissione di un’area di Scientology e negarle un’autorità propriamente costituita per conseguire profitto personale, potere personale o per ‘salvare l’organizzazione dai funzionari superiori di Scientology’.” - LRH

(Dal libro “Introduzione all’Etica di Scientology” – Atti Soppressivi) 

marty polipoSe Rathbun avesse scritto e stesse seguendo un programma, probabilmente vedreste questo particolare Atto Soppressivo come uno dei suoi Obiettivi Maggiori, che descrive molto bene quello che sta cercando di fare da quando si è lanciato nel movimento degli “indipendenti”, i sopravvissuti dei giorni di David Mayo. (vedere articolo Gli Amici che Ron non ha mai Voluto – 2)

Ma ben lungi dal volersi limitare a creare una scissione in una particolare area di Scientology, lo scisma che Marty vuole creare è globale. Ogni luogo su cui Marty e i suoi sub-SP tirapiedi riescono a mettere le grinfie per influenzare Scientologist in buoni rapporti con la Chiesa, è un’area di intesse per Marty.

Per Marty il profitto personale è una motivazione palese. Tralasciando il fatto che sta guadagnandosi da vivere attaccando LRH e Scientology (vampirizzando la gente, cosa di cui lui accusa altri!), ha anche fatto soldi vendendosi ai mass media e insiste nel cercare di ricavare denaro intentando cause bislacche contro la Chiesa, lavorando giorno dopo giorno assieme a Mike Rinder per cercare di mettere da parte abbastanza denaro per garantirsi un futuro.

Ma anche i soldi guadagnati attaccando la Chiesa sui media sono finiti e ora deve vivere delle donazioni che provengono da Persone Soppressive e, occasionalmente, da “auditing” che consegna a persone che non si sono ancora accorte di quali siano i suoi veri “risultati”.

Anche la motivazione del potere personale è palese. Uno sguardo veloce al blog di Marty vi farà capire quanto pensa di essere importante. La sua megalomania non ha limiti. Si paragona a Martin Luther King, ai Padri Fondatori (scimmiottato dagli squirrel indipendenti italiani), a Ghandi e a chiunque altro pensa possa elevare la sua immagine, dissociandola il più possibile da quella vera di omuncolo ossessionato che si accanisce a scrivere fandonie e accuse deliranti al computer.

Marty ha alcune decine di devoti soppressivi che lo seguono, che hanno aderito al suo codice fuori-etica, che condividono con lui molti motivatori e giustificazioni e che fanno di tutto per compiacerlo e propiziarlo, appoggiando e commentando quello che scrive, così da aumentare il suo potere.

In che modo Marty giustifica quello che sta facendo? Asserisce che “sta salvando Scientology” dai funzionari superiori di Scientology.

Sembrerebbe quasi che quando LRH ha scritto l’Atto Soppressivo sopra riportato stesse pensando a Marty Rathbun e Mike Rinder. Ovviamente sappiamo che non è così, in quanto è stato scritto ben prima che questi due SP si mettessero in attività. Si potrebbe pensare che dovrebbero essere un po’ più intelligenti e non essere così ovvi nelle loro azioni soppressive, ma sono così stupidi che usano le stesse frasi contro cui LRH ci ha messo in guardia. “Salvare” l’organizzazione dai funzionari superiori di Scientology è praticamente diventato il grido di battaglia di Marty e dei suoi sgherri statunitensi e italiani.

Come mai LRH ha scritto questa frase specifica tra gli Atti Soppressivi? Perché è una cosa che è successa molte volte in precedenza, nel corso degli anni. E’ una classica tattica degli SP. Non è niente di nuovo.

E mai una volta nel corso degli anni ha avuto successo.


Per leggere i commenti all'articolo sul vecchio blog visita questa pagina.

Per continuare a commentare l'articolo vai al forum.