Squirrel, alla deriva: l’apoteosi dell’incoerenza

quadro

Uno degli aspetti ai quali si fatica a fare l’abitudine è l’incapacità degli squirrel di mantenere una posizione nello spazio per quanto riguarda l’etica e i codici morali. Certo, Ron scrisse già negli anni 1960 che i gruppi squirrel vengono divorati dal dissenso interno, ma osservare il deperimento completo dell’integrità di questi individui, talvolta lascia di stucco.

Capita infatti che uno dei più fervidi sostenitori di Claudio Lugli e del suo fantomatico blog (peraltro oramai scialbo, decadente e sempre meno frequentato), fosse proprio Francesco Minelli alias Johnmina alias KSW1 alias Moltosugo e una miriade di altre identità che aveva assunto nascostamente, mentre ancora frequentava la sua Org.

Per un certo periodo il “lavoro sporco” lo aveva fatto Minelli: mandava lui le e-mail entheta per promuovere il blog di Lugli, poi per crearsi un alibi contattava il DSA dell’Org e avvisava di averle ricevute. Non solo: di quando in quando faceva qualche comparizione all’Org così da sperare di essere credibile. Un giochetto da carogna della peggior specie, che però non è durato a lungo.

E pensare che fino a poco tempo prima scriveva roboanti e-mail di questo tenore:

minelli basics

Così poco tempo per pervertire la propria etica, così poco tempo per mandare in putrefazione la propria integrità: neanche due anni più tardi Minelli faceva l’umile servitore di Claudio Lugli e, mentre entrambi serpeggiavano fra le linee della Chiesa sputando il loro veleno tra il pubblico ignaro, al contempo fingevano di essere ancora membri del gruppo. Mentivano, come mentono i thetan finiti fuori valenza.

La triste storia di Minelli è solo una delle più emblematiche; come la sua, anche le altre sono storie di una spirale discendente di criminalità e malignità che avviluppa l’individuo e tutto ciò che lo circonda, una volta che egli ha fatto del tradimento il suo unico vessillo.

E infatti l’impulso a tradire e a ingannare non ha tardato a farsi vivo nuovamente in Minelli.

Nemmeno un anno di facile (anzi, maniacale) entusiasmo al servizio di Lugli, ed ecco la rottura. Così come aveva trasgredito al codice di uno Scientologist, ora Minelli doveva per forza trasgredire gli accordi segreti, scellerati e già di per sé maliziosi, che aveva tacitamente sottoscritto con Lugli.

post lorenzoegiorgio

«Pugnalato alla schiena?» Be’, detto da un falso e voltagabbana come lui… Sembra il cieco che dà del muto al sordo o l’assassino che accusa lo stupratore di essere un terrorista. Bah, valli a capire.

Ma comunque, di questo argomento si è parlato in vari articoli, ad esempio Squirrel voltagabbana”.

Quindi… bando alla serietà!

Inutile, infatti, dedicare troppa attenzione a esseri così ignobili.

Sarebbe più sensato, invece, che noialtri ci si potesse un po’ divertire con le idiozie di questo sparuto gruppuscolo di debosciati.

Ebbene sì: nella sua “ascesa verso l’incredibile”, Minelli si è infatti legato a vari SP e squirrel, da Simonetta Po alias Martini (la casalinga di Carpi che ha fatto della lotta a Scientology l’unica ragione di una vita inutile) a Paolo Facchinetti (squirrel e voltagabbana sin dagli anni 1980).

post lorenzoegiorgio

Gente che “la sa sempre un po’ più lunga di Ron”, a un punto tale che arriva a criticarlo o a tentare di metterne in luce dei presunti difetti. Facchinetti è certamente maestro in quest’arte di coprirsi di ridicolo quando fa commenti su Ron. È davvero uno spasso, per cui… come non condividere alcuni dei suoi sproloqui più esilaranti? Qui per esempio parla di un altro squirrel e delle sue interpretazioni della Tech:

post facchinetti

Eccellente, strepitoso!

D’altro canto, che altro ci si può aspettare da un vecchio SP che socializza con altri SP come la stessa Simonetta Po, impegnata ormai da quindici anni in malevoli tentativi di gettare fango su Scientology?

paolo facchinetti e simonetta po

Eccolo qui Facchinetti, uno dei principali responsabili della degradazione dello Stato di Clear in Italia alla fine degli anni 1970, assieme a una delle principali responsabili dell’odio antireligioso degli anni 1990 in Italia. Davvero un bell’assortimento.

E infatti, ecco qual è il rispetto di Facchinetti per colui che ha dedicato l’intera vita alla ricerca spirituale e che ci ha lasciato quel tesoro di inestimabile valore che sono Dianetics e Scientology:

post facchinetti

Oh, bella! Per poter ponderare così profondamente la personalità di un essere della caratura di Ron, evidentemente doveva essere un eccelso conoscitore della Tech. Già, certo… proviamo a saggiare la sua competenza, per esempio… vediamo un po’… sì! Ecco: Mantenere Scientology in Funzione n° 1, vediamo cosa ne pensa o quanto bene la conosce…

post facchinetti

Ah, be’… ora sì che si spiega tutto! È “colpa” di Mantenere Scientology in Funzione n° 1 se Scientology ha subito attacchi da qualche SP in passato. Ma certo! Questo sì che è un «vero perché» e apre la porta a un miglioramento della scena. Soluzione? Cancelliamola! Evviva!!

Ma non è tutto: Facchinetti fa scuola. Eh, sì! Dalla sommità della sua torre d’avorio dalla quale è in grado di carpire i segreti dell’intero universo, l’ex scapolone d’oro dai lunghi capelli ha trovato delle giovani leve a cui trasmettere la quintessenza del proprio scibile. Per esempio Luca Servalli, il “rampollo” di una “nobile famiglia” di (ex) Scientologist falliti in qualsiasi cosa abbiano mai tentato di fare. Guardatelo qui, concentrato nella profondità mistica dei più eterei riti iniziatici:

luca servalli

Eccolo: il grande allievo, il discepolo fedele, che all’età di sedici anni sapeva già tutto su Scientology senza mai nemmeno aver studiato un libro. Un bimbo prodigio, non c’è che dire. Ecco infatti un assaggio della sua sterminata competenza nei materiali di Scientology:

post luca servalli

Come da manuale:

«Queste persone sono piuttosto violente nei confronti del soggetto dell’etica, come ti aspetteresti da un criminale, e criticano aspramente le org avendo rubato soldi e liste di nostra proprietà. Stanno attenti a non attaccarmi pubblicamente, nella speranza che la gente pensi che sono nobili e ispirati.» – LRH

E lo sapete chi è il personal trainer, ehm… pardon, “l’auditor” di Luca Servalli? Provate a indovinare…

Giovanni Bonzani!

Sì, non vi siete sbagliati. Proprio Bonzani, un tempo baluardo dei Lugli e loro primo complice nel tentativo di infiltrare le linee delle Org per creare scompiglio e sviare gli Scientologist dal Ponte (quello vero, quello standard, quello di marca Ron).

Bonzani osserva l’antica policy del “fare e disfare è sempre lavorare” e così – pur di non restarsene con le mani in mano ora che i suoi due gatti a Novara sono rimasti isolati dal resto degli Scientologist – prende il figlio dell’ennesimo prestanome di Lugli e si mette ad “audirlo”.

La verità è che Bonzani, dopo aver militato nel serraglio dei Lugli, al quale aveva aderito con roboanti annunci nel Luglio 2010, ha litigato per benino con Claudio e Renata (esattamente come Minelli e altri) e ha fatto fagotto voltando la gabbana per l'ennesima volta (sport ufficiale degli squirrel); ora fa "l'auditor da bar" e prima che diventi “auditor da bara” è solo questione di tempo.

E come sempre, questi SP sono talmente “bravi” che fanno dei veri e propri “miracoli”: vi ricordate l’esempio dell’auditor descritto da Ron in “Mantenere Scientology in Funzione n° 1”, quello che «“sovracompensava” nervosamente spostando il TA di 2 o 3 divisioni più di quanto non fosse necessario per rimettere l’ago sul “set”»? Eh, lui sì che era un vero esempio da seguire. «Vengono riportate cifre di 435 divisioni di TA per seduta. Viene inoltre incluso nella raccomandazione: “Naturalmente, la sua seduta modello è scadente, ma è semplicemente una sua abilità”.» Bonzani ha fatto di questo esempio la sua ragione di vita.

Infatti, l’angelico (vedi foto sopra) Luca Servalli, dopo un Grado 0 completato a tempo di record («Ho dato il grado zero in 3 minuti»… vi dice nulla?), improvvisamente che fa? Si rende conto di essere Clear! Ma certo! Come avremmo potuto non capirlo? Bastava riguardare la sua foto un paio di volte in più da diverse angolazioni per accorgersene! Ma forse per Clear intendeva una nota marca di shampoo anti-forfora…

Insomma, una vera “squadra speciale” di “auditor” certificati dalla Scuola Radio Elettra di Torino: imparano i "comandi" dai materiali pubblicati su Internet dai “Texas Power Rangers” (una via di mezzo fra i ranger texani e i Power Rangers nipponici), fanno intense sedute di esercizi con le Tartarughe Ninja e “audiscono” solo dopo aver immolato vittime sacrificali al dio Seth.

Proprio come sta succedendo a Marty Rathbun, i poveracci che ricevono procedimenti dal “classe bove” (non è un errore di stampa…) Claudio Lugli, dopo aver provato i "risultati" che produce, preferiscono continuare i procedimenti per corrispondenza col Mago Otelma o, peggio, farsi "audire" da quel branco di pecoroni smarriti della sponda squirrel opposta (Minelli-Facchinetti).

Se incontrate qualcuno di questi individui abietti, non stupitevi se si comportano in modo strano, parlano con i cespugli e fissano il vuoto. In realtà stanno parlando con coniglio bianco Harvey che sta spiegando loro il prossimo procedimento da percorrere non appena arriverà l'astronave da Arrakis.

Ma per queste storie, di una galassia lontana lontana, troveranno spazio prossimamente qui su questi schermi.

A presto!

Taliesyn


Per commentare l'articolo vai al forum.