Tecnicamente parlando… ultima parte

viso nel cielo

«La confusione può rimanere dov’è finché c’è un dato stabile che la tiene in sospeso. Questa cosa è così tenue e un thetan o un essere la cambiano con tanta facilità, che essa non intralcia molto nessuno. E’ solo quando diventa una soluzione aberrata, la cui perdita minaccia la sopravvivenza, che l’individuo non riesce a scaricare la massa che vi è connessa. Se riuscite a vedere la confusione come un dato stabile, vi renderete conto che è possibile estrarre il dato stabile dal centro della confusione e, a quel punto, provocare la scarica dell’energia che sta venendo tenuta ferma. E’ una nuova scoperta, vedete? Che cosa sta tenendo ferma la confusione? Un dato stabile. E’ un pensiero nuovo, poiché vi occupate della vita sempre procedendo nella direzione opposta. Avete troppa confusione; introducete un dato stabile nella confusione e questa si allinea al dato stabile. E’ stato così che l’avete usata prima. D’accordo, guardiamo la cosa dall’angolatura opposta: come viene tenuta ferma la confusione? La confusione viene tenuta ferma da un dato stabile. Di conseguenza, la rimozione del dato stabile fa scaricare la confusione.

(…)

Finché una persona tiene fermo il dato stabile, la confusione non si scaricherà. Lo vedete? Ecco quindi dell’altra tecnologia avanzata, tecnologia parecchio degna di nota, che ci ha accompagnato per molto tempo e che consiste semplicemente nel guardare la cosa dall’angolatura opposta. Ora sappiamo come viene tenuta ferma la confusione.»

L. Ron Hubbard
(Conferenza 4 Sett 1963 “Come trovare un facsimile di servizio”)

Credo che nessun altro riferimento di Ron, proprio nessuno, possa spiegare lo stato mentale della “indipendenza” e cosa dovrebbe fare per tornare a una parvenza di normalità.

Per la mia piccola esperienza, non ho mai visto una scena altrettanto demenziale, come quella ideata da Rathbun.

E’ talmente demenziale, che la sua distruttività è un’apparenza; anzi per quello che ci capisco io, gli Scientologist e Scientology stanno acquisendo una forza incredibile da tutto questo circo.

La cosa che mi stupisce di questa scena demenziale, è la totale mancanza di effetto che ha sugli Scientologist, quelli veri intendo; passato il primo momento di stupore, la scena si presenta per quello che è, appunto demenziale.

Mi viene persino da pensare che sia un modo insano di rimediare al danno arrecato, da parte di quel Rathbun che ha incasinato le linee per trent’anni con la sua incompetenza e il suo caso mai maneggiato.

Per chi ci capisce qualcosa della mente, è talmente lampante che sta ossessivamente drammatizzando i suoi overt, che c’è da chiedersi quanto sprovveduto bisogna essere, per andare dietro ai suoi vaneggiamenti o, peggio ancora, assumerne la valenza, con tanto di “momenti di gloria” su giornaletti da quattro soldi.

Comunque, lasciando da parte Rathbun, la pericolosità dell’attitudine a servirsi dei propri facsimili di servizio, sta nel fatto che agiscono da “dati stabili”, a cui si può ammassare sempre più confusione, creatrice di veri somari, detti anche stupidi.

Non è facile correggersi in questo senso e non è neppure sufficiente l’auditing. Ci vuole addestramento responsabile, sperimentazione e applicazione responsabile,  aiuto responsabile.

Questi tre fattori portano alla sapienza, che sarebbe “conoscenza autodeterminata”, ossia “una capacità per la verità”, ossia “la certezza dell’essere”.

Non esistono procedimenti magici e non esistono “livelli” in cui un somaro diventa un genio che vince al lotto postulando; sono proprio le persone che nella loro pochezza inseguivano ciò, che diventano il vero dev-t sulle linee di Ron, un Essere talmente motivato da averle provate tutte, per dare una possibilità anche ai somari.

Esiste il duro lavoro, amore per l’uomo e per la vita, esistono la decenza e la generosità; esistono la dedizione, l’impegno, l’onestà e la lealtà.

Tutto ciò porta alla saggezza che potrebbe anche essere definita come “consapevolezza di essere le dinamiche”.

fiore galleggiante sull'acquaRaggiunto questo, la vita diventa molto semplice e questa semplicità con Scientology è raggiungibile alla grandissima.

C’è qualcosa di magico in questa semplicità e una volta raggiunta, la vita diventa un gioco bellissimo.

Sono felicissima della piega che ha preso il tuo sito, mio carissimo Davide.

Noi non siamo tenuti ad andare dietro ad ogni squinternato, che si sveglia al mattino e si mette a drammatizzare e trasmettere i messaggi attraverso masse solide e stridenti della sua mente.

Non sempre chi trasmette questo tipo di messaggi è totalmente in “malafede”, a volte esistono anche le percezioni false; dalle percezioni false possono accadere pasticci infernali di tutti i tipi e terze parti assurde, che magari il “restimolato” di turno neanche è consapevole di causare.

Di sicuro, chi ha l’attitudine ad andare dietro a queste stupidaggini, dovrebbe veramente mettersi una mano sulla coscienza e se ci tiene a se stesso, mettersi a LAVORARE con molto impegno.

Noi siamo tenuti ad applicare le policy e rinfrancare più gente possibile, quello è il nostro compito.

Siamo tenuti ad essere abbastanza responsabili da addestrarci in modo auto-determinato, senza costringere qualche staff a tirarci scemi, perché facciamo gli scolaretti somari, che non sono neanche in grado di rispettare una schedula di studio.

Siamo tenuti ad esprimere i nostri disaccordi, là dove necessario e non senza che siano accompagnati da una produzione di tutto rispetto, a beneficio del benessere della società.

Obbligatoriamente, gli eventuali disaccordi devono essere accompagnati da una produzione di tutto rispetto, con l’applicazione della Tech, altrimenti lasciano il tempo che trovano, perché di gente incompetente che blatera a vanvera, Ron Hubbard e il Pianeta tutto, non sanno proprio cosa farsene.

Siamo tenuti ad assestare un colpo efficace ed energico a chiunque intenda mettere in difficoltà le Org.

Siamo tenuti a combattere per una giusta causa, a non abbandonare mai i nostri amici in difficoltà, ad essere leali e soprattutto produttivi.

Tutto questo, naturalmente, vale per qualunque ambito della vita, non solo per quanto riguarda Scientology.

Ci fosse una tale base operativa, da parte della maggior parte dei membri del  gruppo, non accadrebbe mai che un qualsivoglia rattobum malintenzionato possa agire indisturbato.

Credo che per riuscire a vivere con successo Scientology, bisogna prenderla responsabilmente su gioco ed essere disposto a perderla, allora sarà tua.

Siamo in un mondo strano, sembra dispostissimo a darti ciò su cui non metti sforzo; se non vuoi qualcosa poi, stai sicuro che te lo presenta su un piatto d’argento.

Secondo me, che sono solo un povero mezzo, saremmo tenuti a percepire la reale situazione del pianeta, perché non lo stiamo percependo per niente.

Pochi lo stanno percependo e di sicuro li vedi rigidi e dedicati che si danno da fare.

Altrimenti, lo stessimo percependo, dopo la prima settimana passata a consolare il nostro cuore infranto, ci metteremmo a correre e soprattutto smetteremmo di contribuire a inturbolare quel soffio di theta che è rimasto a questo pianeta.

Tanto per fare un esempio inventato, anche essere dediti alla pedo-pornografia, è un modo per inturbolare quel soffio di theta. Anche tenere sempre bello vivo in sé stessi il meccanismo del withhold mancato, inturbola quel soffio di theta.

Quando a un pianeta resta solo un soffio di theta, la rottura psicotica è dietro l’angolo e basta la goccia che fa traboccare il vaso a causarla.

Un conto è una rottura psicotica individuale, un altro conto è una rottura psicotica di 4° dinamica; non siamo così lontani, è che stiamo vivendo in una specie di parodia che fa sembrare che le cose stiano procedendo.

Quei quattro dementi, che continuano a farneticare in quella specie di guerra contro il COB, dovrebbero ampliare un po’ il loro raggio d’osservazione; provassero a togliere il loro bel “dato stabile”, si renderebbero conto che la terra che hanno sotto i piedi sta vacillando.

Mi sto occupando di alcuni adolescenti, con me si esprimono, d’altra parte sono una loro “coetanea”, non gli par vero di poter finalmente interagire con qualcuno che parla chiaro; la nostra gioventù sta soffrendo parecchio.

Le nuove generazioni sono in grado di far fronte a poco e niente, sono confusi, hanno infanzie vuote e difficili, fatte di zaini per la scuola troppo pesanti, messaggi televisivi e internettiani troppo pesanti, liti tra i genitori troppo pesanti, corse ossessive degli adulti allo svago e al divertimento, troppo pesanti.

Sono costretti a crescere  in una  società che non solo non è più a misura di bambino, ma ormai non è neppure a misura di uomini adulti.

Un grande casino. E noi dovremmo stare ancora  a badare alle allucinazioni di qualche “indipendente”?

Non so cosa si potrebbe fare per far fluire la confusione; quello che so è che io il senso della gerarchia non ce l’ho tanto, e sono molto tranquilla riguardo l’autorità. Riconosco e dò power alla competenza, alle persone decenti e amorevoli, da cui mi lascio persino controllare all’occorrenza.

Ci tengo al benessere dell’uomo, e per questo motivo trovo molto facile e semplice essere una Scientologist. E’ la cosa più semplice della mia vita.

Quindi lavorare contro un gruppo che è formato da tantissime persone di buona volontà che si impegnano per alimentare e rafforzare quel soffio di theta che è rimasto a questo Pianeta ormai agonizzante, deve essere da noi completamente condannato.

Non lo sto dicendo per essere catastrofica,  ad essere sincera sono molto tranquilla e la vita la assaporo veramente, attimo per attimo. Anzi, la vita me la godo proprio e so che, a meno che non ci sia una presa di coscienza generale di una certa portata, la fine che faremo a livello planetario è davvero macabra. Con tutto l’ottimismo che mi contraddistingue.

Non credo proprio ci sia una frase più vera, di quella che Ron Hubbard ha scritto sul libro “La storia dell’uomo”, riguardo il futuro del Pianeta.

E’ che in generale fa molto comodo fare not-is, riguardo il futuro dell’umanità, altrimenti a guardarlo in tutto il suo orrore, implicherebbe una presa di posizione che costringerebbe ognuno a mettersi a LAVORARE veramente.

bolle di saponeSe posso Davide, avrei un messaggio per una persona, lui si riconosce di certo: SMETTILA  di andare dietro a quella melmosa e insignificante significanza “indipendente”, che ti sta permettendo di rinnegare e tradire il tuo gruppo.

Non c’è niente di fantasmagorico che devi scoprire, la vita è di una semplicità soprannaturale e Tu sei Tu, quella meravigliosa effettività che tutto potrebbe e tutto crea.

Tu sai quello che devi fare per aiutare te stesso e le tue dinamiche. Auguri.

E ricorda sempre che:

«Una persona può decidere di essere usata o influenzata dall’ambiente e dalla gente che vi si trova, ma, finchè non decide di esserlo, non viene influenzata in quel senso.»

L. Ron Hubbard
(Procedura avanzata e assiomi “auto-determininazione”)

Con Affetto

Auditor


Per commentare l'articolo vai al forum.

Pubblicato in: