Torno sui miei passi, verso l’Onestà

“A quel punto mi sono convinta che gli unici “pestaggi” avvenuti, fossero quelli che Marty e Mike stessi avevano fatto.”
– Susan Lewis

Susan era stata turbata dall’entheta sparso da Marty Rathbun e dai suoi adepti e aveva iniziato a dargli sostegno e a scrivere sul loro blog. Poi, scoprendo la loro vera natura e le bugie che dicevano, si è ravveduta ed è tornata in seno alla Chiesa.

La sua testimonianza è importante per molti versi ma, soprattutto, rivela che perfino i seguaci più vicini a Rathbun hanno ammesso che le azioni violente, che Marty e soci hanno detto (alla CNN e sul loro blog) che avvenivano all’interno della Chiesa, in realtà non sono mai accadute.

Rimane invece vero il fatto, confessato anche da Rathbun, che era lui che commetteva violenze e soprusi.

Un’altra menzogna di Marty-fabbrica-di-bugie smascherata.

28 aprile 2011

ANNUNCIO PUBBLICO

di Susan Lewis

comariPREMESSA: Cercherò in questo mio annuncio di esporre i fatti nella sequenza in cui sono avvenuti al meglio delle mie capacità. Dove non sono sicura dell’esatto tempo/sequenza in cui sono avvenuti, lo dico. Dove non sono stata in grado di riportare le esatte parole, l’ho specificato e ho comunque cercato di essere il più accurata possibile nell’esprimere il concetto espresso durante il ciclo di comunicazione.

Verso la fine di marzo 2010 Mari Parry mi chiamò al telefono in ufficio e le parlai. Era turbata per il programma di Anderson Cooper andato in onda sulla CNN e mi chiese: “Hai sentito del programma di Anderson Cooper su Scientology?”

Le dissi di no, che non sapevo chi fosse Anderson Cooper e lei mi spiegò cos’era questo programma. Le dissi che comprendevo come si sentisse, ma che mi sembravano un sacco di stupidaggini. Che avevo già sperimentato qualcosa di simile molti anni fa, con un altro programma che si chiamava “60 Minuti”. Le dissi che avrei preso nota e chiesto di avere delle risposte su alcune cose che erano state dette.

Poco dopo aver parlato con Mari, nel marzo del 2010, fui invitata a casa di Tom e Vickie Chandler, dove vi trovai anche Jon Perry.

Tom mi chiese cosa ne pensassi del programma di Anderson Cooper. Gli dissi che non lo avevo visto e che non pianificavo di farlo. Avevo letto di recente qualcosa che Marty Rathbun aveva pubblicato e dissi a Tom che ero allibita che lui scrivesse di aver dato delle session e del fatto che avesse violato così tante policy. Chiamai Marty con vari epiteti ed ero arrabbiata. Tom era d’accordo con la mia collera.

Mi parlò della sua “BPC”. Gli dissi qualcosa, tipo che si dovrebbe sempre fare rapporto su queste cose. Lui mi disse che lo aveva fatto in passato e che ora non lo stava più facendo, ma che era d’accordo e che lo avrebbe fatto. Aggiunsi che ogni volta che avevo avuto domande o mandato rapporti, avevo sempre ottenuto una risposta e gli fornii un paio di esempi.

Tom m’inviò un’e-mail con una foto da “Burloni & Denigratori”, che era la copia di un libro che aveva qualcosa a che fare con qualche programma. La cancellai. Questo successe circa una settimana dopo essere stata a casa sua.

Quella sera a casa di Tom e Vickie, Mari fece natter su differenti soggetti. Io ascoltavo senza dire granché.

Prendendo spunto da un episodio, dissi a Mari che non credevo che questi fatti fossero davvero accaduti, per lo meno, non nel modo in cui lei li descriveva. Le chiesi se aveva fatto rapporto e lei disse di no. Dissi che lo doveva fare e lei rispose che lo avrebbe fatto.

Non ricordo esattamente quanto tempo dopo essere stata da Mari, lei mi chiamò. Avevo appena incontrato Rich Nisbett nel nostro ufficio. Mi disse che gli aveva parlato e lui le aveva detto che io gli piacevo. Mari poi disse “Non sorprenderti se anche lui legge i blog” ed io non dissi niente, perché non avevo niente da dire. Lei insinuò che Rich fosse coinvolto con quei blog (ndr: quello di Rathbun).

Poco dopo iniziai a leggere blog soppressivi. Più li leggevo, più ero turbata e key-in. Pubblicai commenti su quei blog da maggio a ottobre. I miei commenti spaziavano dall’antagonismo al mostrarmi compassionevole e in accordo con rudimenti out simili ai miei delle persone che scrivevano sul blog. Questo non fece altro che peggiorare la mia condizione e non stavo arrecando un vantaggio né a me né al mio gruppo. Ho fatto natter e fomentato natter riguardo alla Chiesa.

Ho pubblicato i commenti sotto i nomi di Goddess, Eli, Snicks e AnOT. Al meglio delle mie capacità rivelerò quanto da me pubblicato.

Mi ricordo di aver pubblicato una vittoria come membro WISE sotto “Consigli utili”.

Mi ricordo di aver dato un riconoscimento a Dickie quando aveva pubblicato qualcosa su quel sito sotto il falso nome di “Water Dragon” o qualcosa genere.

Mi ricordo di aver dato risposta a un commento (forse due) scritto da OTDT nel quale dicevo che quanto scriveva era divertente.

Ricordo di aver pubblicato come membro dello staff e supervisore. Dopo aver letto un commento scritto con un punto di vista soppressivo, l’ho commentato andandoci in accordo.

Mi ricordo di aver fatto un commento nel quale chiedevo a ogni Scientologist che stesse leggendo i blog di andare nella rispettiva Org e mettersi in comunicazione. Mi ricordo che Marty si era arrabbiato per questo.

Ho mandato email a Jim Logan, Karen Jenstzch e Dan Koon, chiedendo loro se avessero direttamente assistito a episodi di violenza. Tutti avevano risposto di no. Penso che sia successo dopo maggio, ma non più tardi di luglio.  Ho chiesto l’amicizia di Karen e Dan su Facebook in modo che potessero avere la massa su chi ero e, una volta ottenutala, ho cancellato la richiesta. Non ho più avuto contatti con Jim e Karen, ma mi sono sentita con Dan un paio di volte, ma nient’altro per mesi. Ho chiuso il mio indirizzo email.

A quel punto mi sono convinta che gli unici “pestaggi” avvenuti, fossero quelli che Marty e Mike stessi avevano fatto.

Email a Jim Logan: ho fatto togliere la sua email dal sito di Marty. Gli avevo mandato un’email dicendogli chi ero e chiedendogli se avesse mai assistito a episodi di pestaggio e lui mi disse di no. Lo ringraziai per i dati.

Karen Jentszch: stessa cosa che per Jim Logan, ma prima di chiederle riguardo a qualsiasi pestaggio, l’anno scorso, le avevo mandato una richiesta di amicizia su Facebook. Lei mi aveva detto che io sarei stata dichiarata se stringevo “Amicizia” con lei. Le chiesi se in tutti gli anni in cui era nella Chiesa avesse mai personalmente visto episodi di pestaggio e/o se Heber fosse mai stato colpito o avesse mai ricevuto abusi. Lei disse di no. A quel punto tolsi la mia amicizia con lei da Facebook.

Dan Koon: stessa cosa che per Jim e Karen ma a lui dissi anche che non intendevo cambiare sponda, perché ero una Scientologist da lungo tempo. Gli chiesi se sapesse riguardo a pestaggi avvenuti e lui mi disse che in tutti gli anni in cui lui era stato nella Sea Org, non aveva mai visto accadere niente del genere. Gli dissi che doveva mettere a posto la sua situazione e che non sarei rimasta in comm con lui. Questo è successo molti mesi fa.

Ho incontrato Dickie Conn-Wieble lo scorso anno a San Francisco, non ricordo il mese, era verso giugno. Lei e Scott (suo marito) erano in città e ci siamo visti per colazione. Dickie ha fatto natter sul Management della Chiesa.

In seguito lei mi disse che Scott stava ricevendo auditing da qualcun altro che si chiamava David. Non sono certa di chi fosse, ma penso che lei intendesse David St. Lawrence o David Thomas che sono squirrel. In seguito m’inviò copia di un commento soppressivo che lei aveva pubblicato su uno di quei siti con il nome “Water Dragon” e fino a tempi recenti questo era l’ultimo contatto che ho avuto con lei.

Io le avevo detto che sarei rimasta (nella Chiesa) e che avrei sistemato le cose. Le ho detto che mi piacevano il mio lavoro, la mia vita, i miei amici ed essere staff nella Mission.

Disse (era una telefonata che stava avvenendo prima del nostro incontro a San Francisco) che lei conosceva Mike Rinder e che gli aveva parlato dopo che lui aveva fatto blow. Le risposi che a malapena sapevo chi fosse e che mi dava parecchio fastidio che questi andassero sulla stampa a dire quelle cose e che, secondo LRH, questa era un’azione soppressiva.

Ho scoperto che era stata Dickie a mandarmi una lettera soppressiva di “dimissioni” sulla mia email personale. Questo accadde all’inizio di quest’anno. Le risposi che non volevo più comunicazioni perché stavo/sto facendo un programma di etica.

Verso aprile del 2010, ero a cena con qualcuno che aveva un figlio nella Sea Org e uno fuori. Dopo circa un mese le inviai un link al blog di Marty, poi cambiai idea e le dissi di cancellarlo. Lei lo fece e le chiesi 3 volte se lei lo avesse fatto senza guardarlo e lei, ogni volta mi assicurò di non averlo letto. Le dissi che quello era stato un overt terribile da parte mia. Ho trasmesso una linea nemica a un’amica e compagna Scientologist, dando in questo modo potere e validando un nemico.

Alla fine di febbraio, Mari m’invitò a casa sua per il compleanno di suo figlio. Erano presenti svariate persone, inclusi Tom & Vickie Chandler. Avevo visto su Twitter quel giorno o il giorno prima la notizia che la Chiesa era sotto indagine da parte del FBI. Ho poi appreso che tale indagine non esiste e che questa notizia era stata lanciata da soppressivi e poi ulteriormente diffusa da persone che o sono PTS o sono loro stessi SP. Non esiste alcuna indagine e la notizia è stata fatta circolare solo al fine di creare “un ambiente pericoloso o minaccioso”.

Appena arrivata, Mari mi chiese se avessi visto i dati sull’indagine da parte del FBI. Le dissi di sì ma che non avevo alcuna idea se fosse una cosa vera. Ora so che era falsa.

Tom Chandler ed io ci sedemmo nel cortile sul retro a parlare di affari. Lui parlò dell’articolo apparso su The New Yorker a proposito di Paul Haggis.  Anche Jon Perry era seduto con noi. Gli dissi che l’avevo letto e considerato stupido e che Haggis era ovviamente una persona che non aveva avuto guadagni di caso e che la cosa negativa era che questo non fosse stato scoperto.

Mari iniziò a interrompere Tom e me dicendo a voce molto alta “Perché, è una novità?” e dopo la terza volta Tom le disse che stava tagliando la nostra comunicazione.

Dissi a Tom, Mari e Vickie che stavo scrivendo dei rapporti e cercando molto seriamente di mantenere in il mio KSW. Vickie mi disse che facendo questo diventavo un bersaglio. Le dissi “Chiaro”. Dissi questo perché ciò che in cui ero stata coinvolta con Tom, Mari e Vicki era natter e una rappresentazione 1.1 della verità e non volevo esserne più parte. Più tardi quella sera

Mari mi chiese di rimanere a parlare con lei. Ci sedemmo nel suo salotto ed io mi limitai ad ascoltare.

Mi disse che aveva pubblicato commenti sotto altro nome, credo fosse “Free Spirit” o qualcosa di simile. Penso fosse una combinazione di 8 e 8-80, ma non ne sono sicura. Lei mi disse che lo aveva fatto una volta sola. Di nuovo le dissi di smetterla.

Recentemente lei mi disse: “Forse gli Indipendenti sono la strada da seguire.” Le risposi che erano pieni di m***a o qualcosa che esprimeva quel concetto. Dissi che Marty era un mostro e che danneggiava la gente e che la cosa da fare era rimanere nel gruppo: non esiste altra possibilità e che questo è quanto Ron dice in numerose policy. Non fare squirrel. Questo accadeva durante una telefonata avuta con lei, appena prima di andare a casa sua in febbraio.

Lei disse che alcune persone stavano leggendo i blog. Mi fece alcuni nomi di cui ho fatto rapporto separatamente. Lei cercava di farmi dire che cosa ne sapevo, le risposi che non ne avevo idea e non volevo saperlo e me ne sono andata da casa sua. Questa è stata l’ultima volta che le ho parlato, nonostante lei mi abbia lasciato svariati messaggi e mandato sms.

LRH dice che una persona deve dire di essersi resa conto che le sue azioni erano ignoranti e infondate e poi dire quali erano state le influenze, ecc. Ha ragione. Erano infondate e ignoranti E stupide E arroganti, perché non c’era nessun senso logico nell’essermi connessa a un Gruppo Soppressivo. Nessuno. Non sono in grado di fornire altre giustificazioni e quelle che avevo, non funzionano più per quel che mi riguarda.

Vedo in modo chiaro le influenze e l’esatto momento in cui sono andata in accordo con l’SP e il perché. Avevo consapevolmente preso una decisione di farlo, ma ora ritiro tutto. Avevo torto e mi ricredo su ogni cosa e non perché penso che questo faccia piacere alla mia Chiesa, ma perché io me ne sono resa conto.

L’unico complotto che esiste è quello ben noto messo in essere da persone dichiarate SP (Marty e la sua banda) ed io ci sono proprio finita dentro. Non posso dire che Mari ne sia parte, ma posso dire che l’aver disconnesso da lei e la mia decisione di lasciarla per i fatti suoi, per me è stata un’azione veramente pro-sopravvivenza.

Per quanto riguarda le influenze, ne ho fatto un resoconto (lettera di disconnessione a Jan Jessup) e riconoscendo in pieno che la mia responsabilità e decisione nell’agire in quel modo. Ho avuto, in ogni istante, il completo potere di scelta.

Le mie azioni erano ignoranti e infondate perché:

1) Tutte le policy di LRH sono molto chiare riguardo al fatto di non comunicare a una persona o gruppo soppressivo, ma l’ho fatto lo stesso.

2) Ero ignorante perché pensavo di sapere cosa stessi facendo e non ho neppure pensato alle conseguenze fino a che non era troppo tardi.

3) Ho aperto la porta al fatto che gli SP divenissero parte della mia vita e non avevo visto questa connessione.

4) Ho danneggiato l’unico gruppo sul pianeta che può e sta facendo qualcosa per il genere umano. Pubblicando commenti e partecipando a quest’attività ho dato potere ai soppressivi e concesso beingness alle loro azioni. Ho giustificato le loro azioni e omesso di aiutare amici che, come me, erano coinvolti in siti squirrel e non ho applicato la policy standard sull’etica a me stessa e a loro e quindi ho reso una situazione brutta ancora peggiore.

Ho disconnesso quando mi sono resa conto di cosa avevo causato con le mie azioni. Stavo cercando di ottenere accordo su out ruds simili ai miei nei confronti della Chiesa, piuttosto che sistemarli nella Chiesa, secondo policy e secondo il mio accordo, in quanto Scientologist, di seguire le policy di LRH. Questa è stata un’azione di Tradimento.

Se fossi riuscita ad ottenere accordo sui miei problemi, allora non avrei dovuto confrontare e assumermi responsabilità per ogni cosa e avrei potuto biasimare altri per la mia condizione.

Ho avuto molte vittorie nel fare questo, ma la cosa che sta iniziando a succedere è per me la cosa più importante: la mia fiducia nella Chiesa è stata ripristinata. Sono in grado di vedere da me quanto migliori siano le cose.

Susan Lewis


Per leggere i commenti all'articolo sul vecchio blog visita questa pagina.

Per continuare a commentare l'articolo vai al forum.

Personaggi: